La dieta dissintossicante

Caterina Stabile

dieta dissintossicante, depurazione organismo, esempiLa dieta dissintossicante. Una dieta che mira a disintossicare l’organismo tende ad eliminare tossine, ossia le sostanze nocive per il corpo, che derivano dagli alimenti o che si producono nei processi digestivi. La salute del nostro organismo infatti è legata al rapporto tra la quantità di tossine introdotte e la quantità che si riesce ad eliminare attraverso gli organi emuntori (polmoni, reni, fegato, intestino). Un corretto funzionamento prevede che la quantità introdotta deve essere uguale a quella espulsa, quando le tossine introdotte diventano maggiori di quelle espulse, allora si sta adottando un’alimentazione scorretta o eccessiva, oppure gli organi emuntori non funzionano adeguatamente, queste sostanze si depositano nei tessuti, intossicando l’organismo.

Per evitare l’insorgenza di problematiche è bene mantenere una corretta alimentazione e, in particolari periodi, è consigliabile depurare l’organismo. I momenti migliori per adottare un regime alimentare per depurarsi sono: all’inizio di una dieta dimagrante, per migliorarne e mantenerne i risultati; in primavera per eliminare gli accumuli provenienti dall’alimentazione invernale; in autunno per rinforzare l’organismo in previsione delle malattie invernali; dopo i periodi di feste o di eccessi alimentari.

Una dieta disintossicante può essere eseguita prima di una dieta dimagrante e in tutte le situazioni di patologie croniche, allergie, dermatiti per rinforzare l’organismo. In questo caso è neccessario verificare se ci sono intolleranze alimentari e praticare la relativa dieta di esclusione per un periodo di 1-2 mesi a seconda della serietà dell’intolleranza. Gli alimenti che disturbano sono considerati dall’organismo come tossine che affaticano il processo digestivo ed ostacolano l’eliminazione delle sostanze nocive, spesso questa condizione determina un aumento della ritenzione idrica, presenza di gonfiori, meteorismo, stipsi. La non introduzione, per un certo periodo di tempo, di questi alimenti nell’organismo migliora la digestione e la stessa assimilazione dei nutrimenti. Questo determina quindi un miglioramento dell’eliminazione dei liquidi (cellulite), riducendo inoltre eventuali gonfiori.

Ai cambi di stagione (primavera e/o autunno) si può adottare una dieta dissintossicante che si articola in un programma di 4 giorni:

Primo giorno: consumare solo frutta (ad esclusione delle banane) e assumere almeno 1,5 litri di acqua. In questo modo si purifica il Colon.

Secondo giorno: assumere solo tisane, the verde o succo d’acero, non dolcificati per drenare le tossine.

Terzo giorno: consumare solo verdura cruda e cotta, bere almeno 1,5 litri di acqua. In questo modo si rimineralizza l’intestino.

Quarto giorno: consumare solo minestrone senza pasta o patate per rimineralizzare tutto il corpo.

Bisogna poi ritornare gradualmente alla normale alimentazione introducendo il 5° giorno i cereali (pasta, pane, riso), poi successivamente pesce, uova, formaggi, carne.

Inoltre una dieta dissintossicante può essere seguita come mantenimento dei risultati ottenuti oppure come disintossicazione periodica. Si può scegliere tra un programma di 2 giorni da effettuarsi una volta al mese oppure un programma di 1 giorno da eseguire 1 volta alla settimana: scegliere un unico tipo di frutto o verdura (escluso banane e patate) e consumare solo quello, assumendo almeno 1,5 litri di acqua.