Intuitive eating: i principi fondamentali della filosofia alimentare

Caterina Stabile

Intuitive eating: i principi fondamentali della filosofia alimentare

Stanche delle solite diete che prevedono un rigore strutturale che non assicura i risultati desiderati? Se la risposta è sì, allora è meglio seguire un vecchio, ma sempre valido, approccio dietetico: l’intuitive eating.

Recentemente non pochi nutrizionisti hanno rispolverato questa filosofia alimentare che garantisce il giusto metodo per perdere peso o per non assumerlo, basta semplicemente imparare a pensare e gestire al meglio il cibo per evitare di intraprendere delle scorrette abitudini alimentari responsabili dell’incremento di peso o del mancato dimagrimento.

Più precisamente questa filosofia alimentare che promuove il mangiare in modo intuitivo nasce negli anni ’90 da un’idea di due esperte di alimentazione, Evelyn Tribole ed Elyse Resch.

Alla base dell’intuitive eating vi è una drastica bocciatura delle classiche diete dimagranti impostate su delle eccessive restrizioni alimentari, e su un apporto calorico basso.

Invece l’approccio del mangiare in modo intuitivo è un vero e proprio invito ad entrare in contatto diretto con il proprio corpo in questo modo è possibile interrogarsi per capire la reale sensazione di fame o di appagamento che ognuno percepisce in un dato momento, in base a questa analisi è possibile comprendere cosa e quando mangiare. Si deve dunque prestare attenzione alle sensazioni fisiche legate alla fame, imparando a lavorare sul rapporto con il cibo senza preoccuparsi troppo del proprio peso. Per seguire al meglio gli insegnamenti veicolati dall’intuitive eating basta tenere a mente i suoi 10 principi fondamentali:

  • Rifiutare la mentalità legata alle diete drastiche
  • Ascoltare la nostra fame
  • Fare pace con il cibo
  • Sfidare la “polizia alimentare”, ovvero il controllo militare su ciò che mangiamo
  • Rispettare la nostra sazietà
  • (Ri)scoprire il fattore di soddisfazione
  • Rispettare i nostri sentimenti senza usare il cibo come strumento
  • Rispetta il nostro corpo
  • Fare esercizio fisico (che ci piace) e sentire la differenza rispetto a prima
  • Rispettare la nostra salute.