Dieta vegetariana – Menu

Caterina Stabile

Dieta-vegetariana-MenuDieta vegetariana – Menu. La dieta vegetariana si basa su modelli dietetici e dimagranti che intendono eliminare la carne di qualsiasi animale ed i prodotti di origine animale. Questa dieta che esclude il consumo di carne prevede invece l’uso di: cereali, legumi, verdura e frutta e, in una misura molto ridotta anche nutrendosi di latte, latticini e uova. I carboidrati sono la fonte principale di una dieta vegetariana e da essi deriva la maggior carica energetica.

Le diete vegetariane tengono conto anche della “provenienza indiretta”. Una persona può seguire una dieta vegetariana definita come latto-ovo oppure solo latto. La differenza è che, una dieta latto-ovo vegetariana permette di nutrirsi anche con i prodotti animali indiretti quali il latte e i suoi derivati, le uova, il miele e qualsiasi prodotto di origine vegetale mentre la dieta latto-vegetariana esclude le uova. Mentre la dieta definita vegana esclude tutti i prodotti derivati indirettamente: latte, derivati, uova, miele e altri prodotti di origine vegetale.

La dieta vegetariana ha fra i suoi principali riscontri quello di creare un maggiore benessere del corpo garantendo al soggetto di far tesoro di armi naturali contro il cancro, le malattie cardiovascolari, il diabete ma anche di allungare la vita. La dieta vegetariana fa sorgere molti preconcetti: innanzitutto l’eliminazione di alimenti di natura animale non esclude la varietà ma basta scoprire dei piatti e alimenti nuovi. I legumi sono fondamentali in questo tipo di dieta come le verdure, nuovi cereali ma anche frutta e verdura magari cucinati in modo innovativo. Questa dieta propone un’alimentazione varia, sana, con attenzione sempre a raggiungere il fabbisogno di calorie in modo di avere energia per il proseguo della giornata.

La dieta vegetariana è una dieta adatta a tutte le persone che vogliono cercare di perdere peso in modo salutare, basandosi in prevalenza sul consumo di frutta e verdura, che sono alimenti che apportano pochissime calorie e saziano grazie al loro contenuto di fibre. Le carenze di un vegetariano sono di solito il ferro, la vitamina B12 ed il calcio: la dieta vegetariana è calibrata per evitare che l’organismo abbia delle carenze; è per queste motivazioni che prima di iniziare questa dieta, come qualsiasi altra dieta, è molto importante contattare un medico specializzato così da renderla idonea alle proprie caratteristiche. Comunque, la dieta vegetariana deve essere seguita per un massimo di dieci giorni durante i quali di solito si perdono 3 chili.

Esempio del menu della dieta vegetariana:

Primo giorno

– Colazione: uno yogurt scremato con un cucchiaino di miele e una mela.
– Spuntino mattutino: 200 grammi di uva.
– Pranzo: 80 grammi di farfalle con melanzane e zucchine (saltate in padella -ndr) e potete aggiungervi un filo di olio extravergine di oliva.
– Spuntino pomeridiano: una fetta di pane tostato con una fetta di fresco formaggio.
– Cena: 200 grammi di fagioli lessati e come contorno, patate al forno.

Secondo giorno

– Colazione: 2 cucchiaini di fiocchi d’avena integrali, 150 ml di latte, una carota e una mela.
– Spuntino mattutino: 125 grammi di yogurt magro, un cucchiaino di miele e una pera.
– Pranzo: 50 grammi di pasta e 250 grammi di broccoli.
– Spuntino pomeridiano: una fetta di pane tostato condita con fette di melanzana grigliata e aggiungete come condimento un filo di olio extravergine di oliva.
– Cena: zuppa di verdure (verdure consigliate: sedano, carote, fagiolini, piselli -ndr) e 100 grammi di ricotta.

Terzo giorno

– Colazione: uno yogurt magro, una mela, una fetta di pane integrale con marmellata light.
– Spuntino mattutino: frullato di banane e 150 ml di latte.
– Pranzo: 80 grammi di pasta con salsa di pomodoro e basilico.
– Spuntino pomeridiano: un kiwi.
– Cena: 100 grammi di ricotta, una fetta di pane integrale con pomodoro, insalata, lattuga.

Quarto giorno

– Colazione: uno yogurt scremato mescolato con un cucchiaino di miele e una mela.
– Spuntino mattutino: una fetta di pane integrale con mozzarella e pomodoro.
– Pranzo: gnocchi di patate con funghi e salvia.
– Spuntino pomeridiano: una carota e una fetta di formaggio.
– Cena: un uovo, insalata di pomodori, cipolla e sedano.

Quinto giorno

– Colazione: un panino di semi di zucca, due cucchiaini di ricotta, due cucchiaini di marmellata light e un kiwi.
– Spuntino mattutino: una mela.
– Pranzo: patate con zucchine e insalata di lattuga.
– Spuntino pomeridiano: un frutto a piacere.
– Cena: insalata di carote, finocchio, sedano, pomodori, una mozzarella accompagnata da una fetta di pane integrale.

[adsenseyu2]