Le proprietà benefiche del bagno turco

Caterina Stabile

Le proprietà benefiche del bagno turco

Come benefico trattamento idroterapico che agisce su corpo e psiche, il bagno turco grazie all’azione del vapore caldo, mette a disposizione diversi piacevoli effetti.

A caratterizzare questo percorso di benessere sono diversi elementi, come ad esempio la stessa sala dove si svolge il trattamento realizzata in materiali che trattengono il calore, all’interno di questo posto sono presenti delle panche di pietra o marmo dove sedersi per lasciarsi avvolgere dal bagno di vapore.

Chi si sottopone ad un bagno turco riceverà una coccola avvolgente di vapore caldo che si crea attraverso il raggiungimento di temperature molto alte: al livello della testa la temperatura si aggira intorno ai 50°, mentre al livello dei piedi la temperatura di attesta sui 20°, è bene poi mantenere nell’ambiente un tasso alto e costante di umidità che deve arrivare a toccare il 100%. Questo trattamento offerto nei centri benessere è indicato a chi vive una condizione di forte stress che può così beneficiare della distensione che il vapore procura a corpo e mente; le persone stressate e tese possono godere di un totale rilassamento, lasciandosi accarezzare dai vapori dell’ambiente. Il bagno turco grazie all’azione della temperatura e del vapore è un trattamento skincare prezioso per la pelle visto che l’elevata sudorazione a cui è sottoposto il corpo determina la dilatazione dei pori della pelle che così vanno incontro a purificazione visto che vengono eliminate le tossine e le impurità accumulate negli strati della cute.

Benefici-bagno-turco

Oltre a favorire una profonda pulizia dell’epidermide si stimola anche il rinnovamento cellulare in questo modo la pelle apparirà più elastica, compatta e luminosa; il trattamento inoltre permette di contrastare eventuali problemi cutanei (acne e dermatiti). Il bagno turco giova anche a chi soffre di dolori localizzati di tipo cronico, visto che si stimola una migliore circolazione che si traduce con maggior apporto di ossigeno nella sede dei distretti anatomici doloranti: in pratica il vapore stimola la circolazione del sangue e linfatica, ossigenando i tessuti che appaiono più tonici e compatti.  Il vapore è utile anche per liberare le vie respiratorie in caso di raffreddori più tenaci, questo perché il calore agisce da decongestionante delle mucose, contribuendo a sciogliere il muco accumulato a livello dell’apparato respiratorio.