Burro di mandorle: le sue proprietà salutari

Caterina Stabile

Burro di mandorle: le sue proprietà salutari

Il burro di arachidi ha trovato un degno contendente nel burro di mandorle, che può contare su un rinnovato interesse da ascrivere alle sue virtù salutari.

Si tratta di una ricetta naturale e vegana preparata con mandorle biologiche che vanno frullate per ottenere una farina fine, si deve continuare ad amalgamare il composto per far rilasciare gli oli naturali ed infine aggiungere un cucchiaino d’acqua ed un cucchiaino di olio extravergine d’oliva, si può volendo infine aggiungere del sale o dello zucchero.

Nel burro di mandorle si trovano dei preziosi nutrienti che garantiscono la riduzione dei livelli di colesterolo cattivo nel sangue

Come alleato healty, il burro di mandorle possiede dei valori nutrizionali simili a quello di arachidi anche se può vantare una maggiore quantità di fibre, minerali, vitamine (in particolare è una fonte di vitamina E). Tra le altre fonti preziose bisogna segnalare la concentrazione di: calcio, fosforo, magnesio, niacina, riboflavina, folati, grassi omega-3. Gli studiosi lo considerano un toccasana non solo per i golosi, basta integrare il prodotto in un regime alimentare equilibrato e variegato. Nel burro di mandorle si trovano dei preziosi nutrienti che garantiscono la riduzione dei livelli di colesterolo cattivo nel sangue, ma allo stesso tempo sono in grado di mantenere sotto controllo i livelli di colesterolo buono in questo modo si scongiurano eventuali problemi cardiovascolari responsabili di malattie cardiache più o meno severe. Da diverse ricerche scientifiche è stato appurato che il burro di mandorle si dimostra un alleato prezioso per i soggetti diabetici, dal momento che nelle mandorle si concentrano quantità di proteine, fibre, vitamina E, potassio e grassi sani, un mix di principi attivi capace di migliorare nel breve tempo il controllo glicemico e dei lipidi nel sangue. Si ipotizza che questo alimento agisce beneficamente anche sul cervello, gli studi condotti fino ad oggi hanno rilevato che le mandorle migliorano la memoria ed alcune disfunzioni cognitive, dei dati che fanno ben sperare nella cura delle malattie neurodegenerative (il morbo di Alzheimer e la demenza).