Alla scoperta dello yuzu, agrume originario del Giappone

Caterina Stabile

Alla scoperta dello yuzu, agrume originario del Giappone

In Occidente si sta facendo conoscere un agrume originario dell’Estremo Oriente, si tratta dello yuzu che possiede degli effetti salutari paragonabili a quelli dei tradizionali agrumi, a cui si aggiungono altri benefici.

Lo yuzu nasce da un incrocio fra il mandarino selvatico cinese e la varietà di limone Pepeda Ichang ed è originario di Shikoku, un’isola che si affaccia sul mare interno di Seto e che fa parte dell’arcipelago giapponese.

Ad un primo sguardo questo agrume orientale, considerato un elisir di salute, assomiglia ad un comune limone, ed infatti ha una scorza irregolare dal colore giallo tendente al verde, dal punto di vista odoroso a connotare il frutto si rintracciano delle note aromatiche fresche e leggermente pungenti che ricordano il profumo del pompelmo. L’agrume proveniente dall’Estremo Oriente viene utilizzato dalla cucina moderna per dare un tocco esotico e fresco ai primi piatti, ai secondi ed ai dessert. Si apprezzano poi le proprietà benefiche del frutto che veniva assunto in passato dai guerrieri giapponesi sotto forma di  succo per fare scorte di energie e per rinvigorire il sistema immunitario in modo da prevenire infezioni e raffreddamenti.


Yuzu-agrume-originario-giapponese-dalle-proprietà-benefiche

Le proprietà immunostimolanti, disinfettanti ed antinfiammatorie di questo frutto orientale si devono principalmente alla ricca concentrazione di vitamina C, si rintraccia nello yuzu un quantitativo doppio della vitamina rispetto alla percentuale che si trova nelle arance; non va sottovalutata poi la quota di polifenoli a cui si deve l’azione antinfiammatoria. Lo yuzu è un rimedio naturale rinomato in aromaterapia ed infatti l’olio essenziale di questo agrume viene utilizzato per preparare dei bagni di benessere dall’effetto distensivo, un trattamento wellness efficace per contrastare lo stress fisico e quello mentale. In più l’olio essenziale di yuzu può essere inalato per ritrovare la concentrazione e la calma quando si vive una situazione di distrazione o che desta uno stato di agitazione.