Sole mare e gravidanza

Mariella D'Ippolito
Sole-mare-e-gravidanza

Sole mare e gravidanza

Sole,  mare e gravidanza. Se non si hanno controindicazione, dettate dal vostro ginecologo, durante il periodo della gravidanza, si può tranquillamente trascorrere il periodo estivo al mare. Naturalmente seguendo degli accorgimenti da non sottovalutare. Evitate le ore più calde della giornata, preferendo quelle del mattino e del tardo pomeriggio, questo perché, il caldo fa abbassare la pressione sanguigna, causando colpi di calore e svenimenti. Per riattivare la circolazione, nelle prime ore del mattino, quando l’esposizione ai raggi solari è più moderata, è consigliabile fare delle passeggiate sul bagnasciuga. Nella fascia oraria otto-nove, dalle onde si sprigiona una maggiore quantità di iodio che contribuisce ad attivare il metabolismo bruciando con rapidità grassi e proteine e migliora la funzionalità della tiroide. Se poi si ci trova, al mare nel periodo gestazionale che va dal quinto mese , il nuoto è lo sport consigliato. Riattiva, infatti,  la circolazione e tonifica il corpo senza affaticarlo,  consente di muovere tutti i muscoli del corpo e per effetto dell’immersione, il peso del pancione è alleviato. Immergetevi molto lentamente e non rimanete a lungo nell’acqua, soprattutto se fredda, per evitare il rischio di crampi muscolari. Nuotate mezz’ ora al giorno, oppure anche un’ ora va bene, distribuendola, però tra la mattina e il pomeriggio. Ricordate che, se ci si sente affaticate è bene fermarsi subito.