Gravidanza i minerali importanti

Caterina Stabile

Gravidanza i minerali importanti

Nel corso della gravidanza il corpo delle donne necessita di un maggiore apporto di minerali, in particolare tra le sostanze più indispensabili ci sono il calcio ed il sodio.

Durante i nove mesi di gestazione è fondamentale, quando il corpo della gestante va incontro a grandi mutamenti incrementa dal punto di vista fisiologico il fabbisogno di calcio, questo minerale scarseggia nel fisico della donna in quanto viene sottratto dal feto soprattutto nel terzo trimestre, quando lo sviluppo fetale va incontro ad una fase di fortificazione dello scheletro.

Per evitare deficit di tale sostanza è necessario adottare una dieta in grado di mantenere costanti i livelli del calcio nel sangue, evitando così delle possibili sottrazioni dalle ossa della gestante. Lo scompenso di questo minerale a livello fisico può causare l’insorgenza di patologie nella madre quali osteoporosi ed ipertensione, anche il nascituro può subire degli effetti negativi tra cui una grave condizione di sottopeso oppure può andare incontro al rischio di nascita pretermine. Bisogna inoltre integrare nell’alimentazione delle donne in dolce attesa un regolare apporto di ferro, in quanto si tratta di un componente essenziale dell’emoglobina la quale a sua volta gioca un ruolo centrale nel trasporto dell’ossigeno attraverso il sangue a tutte le cellule dell’organismo. Per un incorrere in una carenza di ferro, che è molto comune durante la gravidanza è necessario consumare regolarmente fonti di ferro (carne, pesce, uova, legumi, semi, verdure a foglia verde. Anche il magnesio deve essere mantenuto su regolari livelli durante la gestazione in quanto questo minerale prende parte a diverse funzioni tra cui la trasmissione degli impulsi nervosi, la contrazione muscolare, la regolazione della pressione sanguigna, la sintesi delle proteine. Un altro minerale fondamentale durante la gestazione è lo iodio che ricopre funzioni di regolazione del metabolismo energetico e della mineralizzazione ossea; è bene scongiurare la sua carenza dal momento che può avere effetti negativi sul sistema nervoso del nascituro ma anche gozzo e ipotiroidismo neonatale, senza trascurare il rischio di anomalie congenite, aborto e morte neonatale. Anche lo zinco è molto importante in gravidanza, dal momento che prende parte alla sintesi del DNA ed al processo di divisione cellulare, in caso di deficit si può incorrere nel rischio di parto prematuro e basso peso alla nascita.