Festa del papà 2017: Filastrocche e poesie

Mariella D'Ippolito

Festa del papà 2017: Filastrocche e poesie

Oramai ci siamo! La festa del papà 2017 è oramai alle porte e festeggiare insieme vuol dire anche aiutare i nostri bambini a recitare una poesia o una filastrocca. Non è importante impararla a memoria, basta scriverla sul biglietto e per i più grandicelli, quelli in età scolare, leggerla per aprire il proprio cuore a sentimenti che spesso diventa difficile esporre.

Ecco allora che tra filastrocche simpatiche, spunta fuori anche una di Edoardo De Filippo.

Questa mattina ho chiesto al mio tenero cuore:

“Suggeriscimi tu qualche detto d’amore,

suggeriscimi tu qualche soave accento

per fare il mio babbo contento!”.

E il mio cuore mi ha risposto:

“Digli questo soltanto:

Ti voglio bene…

ma tanto, tanto, tanto…”

 

San Giuseppe

– San Giuseppe vecchierello

cosa avete nel cestello?

– Erba fresca, fresche viole

nidi, uccelli e lieto sole!

Nel cantuccio più piccino

ho di neve un fiocchettino,

un piattino di frittelle

e poi tante cose belle!

Mentre arriva primavera

canto a tutti una preghiera,

la preghiera dell’amore

a Gesù nostro Signore

 

A te, caro papà

Dai, fermati, vieni qua

ti voglio parlare, caro papà.

Mille cose hai da sbrigar

ma il tuo bambino dovrai ascoltar.

Sei per me la stella più luminosa

che illumina la vita e la rende preziosa.

Sei veramente forte e coraggioso,

sai essere dolce e premuroso.

Ogni giorno mi infondi tanta serenità

fra le tue braccia provo un mare di felicità.

Vorrei stare accanto a te tutte le ore,

ancora di più… per manifestarti tutto il mio amore.

Oggi voglio aprirti il mio cuore

e in questo abbraccio comunicarti il mio calore.

 

‘O PATE ( Eduardo De Filippo)

Pe tutta a vita st’Omme te sta accante,
e tu, a stiente, t’accuorge che sta llà,
p’e figlie fa e tutto, e nun se vante,
e soffre spisso senza mai parlà.

E comme a S. Giuseppe, zitto e muto,
s’abbraccia a croce e fa o vulere e Dio:
fatica, prega e resta scanusciuto,
e quanno chiagnechiagne,
t’ dich’io!

Si pure tene mpietto nu dolore,
o stesso, p’a fatica, esce a matina;
p’ a famiglia, è nu martire d’ammore,
all’ufficio, a o negozio o all’officina.

Te vò bene e t’ o dice quasi maje,
te fa l’elogio, si nun staje presente;
te vase nfronte quanno a durmi’ staje;
pe’ na carezza, gode veramente.

Si te richiama, o’ ffa pè vero amore;
pè te dà gioia, soffre tutt’e’ ppene;
e ogni ghiuorno se consuma o core,
pecchè è pate, è vecchio i è piccerillo.

Salutalo quante jesci e quante tuorne,
e falle qualche vòta na carezza:
t’accuorgi ampressa ca te gira attuorne,
suspiruso e te fa na tenerezza.

O bene che fa o pate l’annasconne,
pecchè è ommoe ll’omme accussì fa:
quanne o figlio se sceta a dint’ o suonne,
quanno sposa e addeventa isso Papà.