Cosa mettere in valigia per il parto

Caterina Stabile

cosa-mettere-in-valigia-parto, valigia ospedale

Cosa mettere in valigia per il parto. Quando la gravidanza volge verso il termine il pensiero è costantemente rivolto al momento del parto. Le mamme previdenti ed ansiose decidono con largo anticipo di preparare la valigia per l’ospedale, non appena vedono spuntare la loro pancia, oppure intorno ai sette mesi, quando la data prevista per il lieto evento è ormai prossima. C’è, invece, chi la prepara all’ultimo, e chi presa alla sprovvista arriva in ospedale in preda alle doglie senza lo stretto necessario.

In alcuni ospedali danno alle future mamme, durante i corsi di preparazione al parto o durante le visite ginecologiche, un elenco delle cose da mettere nella valigia, ma non tutti li fanno. Quindi, la domanda è più che lecita: cosa bisogna mettere in valigia, da portare in ospedale per il grande evento? Bisogna tener presenti alcuni consigli utili, nel caso nessuno, ostetrica, ospedale o clinica, vi abbia dato delle indicazioni. Sarebbe meglio preparare la valigia già intorno alla trentatreesima settimana: il parto può anche avvenire in anticipo, e va ricordato di portare il necessario anche per il neonato. La lista delle cose indispensabili va per questo divisa in due parti: l’occorrente per la mamma ed il necessario per il bebè.

Partiamo dalla mamma:

– assorbenti post-partum, che troverete in farmacia;

– l’occorrente per l’igiene della persona: sapone liquido, dentifricio, spazzolino, detergente intimo per il post-partum, latte detergente, tonico, dischetti di cotone;

– asciugamani;

– camicie da notte aperte sul davanti adatte per l’allattamento;

– biancheria intima; 2 o 3 reggiseni per l’allattamento; coppette assorbilatte; mutante di rete usa e getta, si trovano facilmente nei negozi che vendono articoli per i neonati;

– pantofole;

– vestaglia;

– calzini corti;

– crema idratante viso e mani; la crema per il seno come quella di lanolina;

– burrocacao;

– biscotti o crackers da sgranocchiare quando prende la fame;

– bottigliette d’acqua da mezzo litro (solitamente gli ospedali forniscono mezzo litro d’acqua al giorno, vi farete portare altra acqua da vostro marito per i giorni di degenza);

– fazzoletti di carta;

– copriwater e salviettine igienizzanti;

– abbigliamento per quando uscirete dall’ospedale.

Per il neonato:

– 6 o 7 cambi completi (tutina, body, calzini) più uno per l’uscita;

– un pacco di pannolini 3-6 kg (in alcuni ospedali e cliniche vengono dispensati gratuitamente, in altri no);

– latte detergente per neonati;

– salviettine per neonati;

– pasta protettiva da usare ad ogni cambio di pannolino; – le copertine per la culla e le lenzuola (in alcuni ospedali vengono fornite, in altri no).

Vi sarà d’aiuto prendere carta e penna, con un certo anticipo, e stilare davvero una lista dettagliata di tutto quello che servirà per il parto, per non dimenticare il necessario, perché l’emozione in queste situazioni, si sa, può giocare strani scherzi: paralizza i pensieri ed annebbia la mente!