Arrossamenti e irritazioni: Proteggere la pelle dei bambini

Caterina Stabile

Arrossamenti e irritazioni: Proteggere la pelle dei bambini

Dalla nascita fino al primo anno di vita, i bambini devono essere protetti con maggiore accuratezza, ed in particolare è bene adottare alcuni accorgimenti ad hoc con i quali è possibile evitare irritazioni ed arrossamenti della pelle.

I più piccoli hanno infatti una pelle delicata e sensibile che richiede una maggiore protezione e cura, da adempiere attraverso la messa in atto di poche attenzioni ma costanti specialmente nel primo anno di vita, dal momento che la delicatezza e la fragilità della cute sono legate al non completo sviluppo dell’epidermide.

Importante è anche l’abbigliamento che deve essere leggero e realizzato con tessuti naturali

In particolare si deve completare il pieno sviluppo della melanina a cui spetta la difesa della pelle dai raggi solari, per tale motivo i neonati non devono mai uscire fuori casa senza protezione cutanea e mezzi che schermano naturalmente i raggi del sole. La rifrazione dei raggi solari è dannosa per la pelle più sensibile in quanto possono sorgere possibili irritazioni, scottature, alterazioni cutanee, eczemi, dermatiti per prevenire queste problematiche si deve utilizzare sia in inverno che in estate una buona crema a protezione solare da spalmare prima di uscire e durante la permanenza fuori casa su mani, viso e sulle altre zone del corpo maggiormente esposte al sole. Quando si porta fuori il bambino si deve fare attenzione anche all’abbigliamento, optando per dei materiali leggeri e naturali, si deve poi proteggere la testa del piccolo con un cappello. La pelle delicata e sensibile dei più piccoli deve essere trattata con prodotti specifici da bagno e skincare, per la pulizia è opportuno usare dei prodotti non aggressivi, preferendo le formulazioni soft e gli oli. Dopo il bagnetto è bene applicare sulla pelle un prodotto idratante che dona alla pelle morbidezza e freschezza, è bene poi utilizzare una crema protettiva ed emolliente ogni volta che si cambia il pannolino, ma anche dopo il bagnetto.