Coda di cavallo 2012: realizzazione e tipologie

Caterina Stabile

Coda-di-cavallo-2012, tipi di coda capelli,tipi di coda acconciature

Coda di cavallo 2012: realizzazione e tipologie. La coda di cavallo é diventata da tempo un must nel look di una donna. Sono diversi gli stili per quanto riguarda la realizzazione delle code di cavallo: da code morbide con volumi anni ’60 sul dietro della testa, o nella versione bassa, un po’ gonfia in alto, in perfetto stile classico, fino a code molto ordinate nelle quali i capelli vengono portati indietro con gel o altri prodotti, creando un effetto bagnato. Per questa primavera estate gli hair stylist la propongono, soprattutto, nelle due versioni più ricercate: quella classica che lascia scoperto il collo e rende chi la porta molto sensuale, e quella bassa più ordinata e ben pettinata. La coda bassa viene raccolta in maniera ben tirata verso l’interno. Questa pettinatura ricorda molto lo stile di alcune attrici americane degli anni ‘50. È perfetta per chi ha un taglio medio lungo e vuole darsi un tono vagamente aristocratico.

C’è anche una versione sofisticata: la coda circolare bassa. A volte basta poco per ottenere un hair style di quelli che fanno risaltare il look di una donna durante una serata, come una variante vintage della coda dalla forma circolare, che andava di moda negli anni’50.

Non è, infatti, difficile realizzare una bella coda circolare, uno dei look più trendy di questo 2012. Gli americani la chiamano “circular knot” ed è sinonimo di classe un po’ retrò, l’effetto è quello classico, che ha caratterizzato la bellezza di molte attrici degli anni Cinquanta. La coda circolare raccolta è l’acconciatura perfetta per chi ha un taglio medio lungo a cui dare un ordine ed una nota vagamente aristocratica. L’esecuzione è facile, per un risultato finale elegantemente soddisfacente. Prima di tutto, si crea una coda di cavallo, trattandola con un lievissimo strato di gel a fissaggio light, per rendere il tutto leggermente lucido e rigido; una volta compiuto il primo passo, si deve piegare la coda verso l’interno e procedere alla creazione della curva, fissando il tutto con un fermacapelli elastico. Se, invece, la preferenza cade su qualcosa di più cool, si può annodare con gli stessi capelli. Per una resa impeccabile sarà meglio, però, rivolgersi ad un hair stylist di fiducia. Per ottenere una coda circolare più elaborata, difficile da realizzare in casa.

Bassa e morbida, oppure alta e ben tesa, la coda di cavallo non passa mai di moda. Il dettaglio che la rende attuale è il fermaglio: non c’è, nel senso che l’elastico va coperto e nascosto da una ciocca di capelli, fermata poi con una mollettina invisibile dietro la nuca. In alternativa, ci sono gli accessori in fibre che imitano i capelli, disponibili in tutti i colori: dal biondo platino al corvino.

 Lasciate campo libero alla fantasia e cercate anche voi la coda di cavallo che esalta di più il vostro look!

Gallerie Foto