La manutenzione domestica delle forbici

Marco Quintieri

Alzi la mano chi non abbia in casa almeno un paio di forbici! Nessuno, vero? 

Seconda domanda: sapete anche come prendervene cura? Se la vostra risposta è “no”, non preoccupatevi troppo: di seguito scopriremo qualche trucchetto molto semplice per coccolare e far durare il più possibile questi utilissimi attrezzi. Perché anche loro, dopo tutto, hanno bisogno di attenzione!

Photo by Morgan Harris on Unsplash

Rispettare il loro utilizzo

Il primo errore che viene commesso frequentemente è quello di non rispettare quello che è l’utilizzo per il quale le forbici sono state pensate. Qualche esempio: le forbici da cucito per tagliare le stoffe; quelle da elettricista per i cavi elettrici; quelle da carta per la carta; quelle per parrucchieri per tagliare i capelli. Se con le forbici per bambini provate a tagliare un tessuto qualsiasi, state pur sicuri che non solo il taglio vi verrà scomposto (sempre che riusciate a farlo), ma siate certi che poi non funzionerà neanche sulla materia prima per la quale era stata pensata.

Dovete sapere che ogni forbice è studiata per tagliare in maniera pulita esclusivamente una determinata tipologia di materiali e sfruttarla per altri usi corromperà anzitempo la qualità e la durata della stessa. 

Le lame, mi raccomando!

Anche se le vostre forbici tagliano a meraviglia, arriverà un momento nel quale il filo della lama (il punto più sottile e affilato) deciderà di non collaborare più nonostante tutti gli sforzi e gli incoraggiamenti che potete fargli. Avete mai sentito l’espressione: “Queste forbici non tagliano più, cuciono!”? Ecco, fa riferimento proprio a questa condizione. 

A voi il consiglio: periodicamente occupatevi di controllare proprio il filo delle lame di coltelli e forbici e, se notate che qualcuno sta perdendo colpi, provvedete a farlo affilare nuovamente. Come fare? O vi rivolgete ad un arrotino professionista, o altrimenti potete acquistare degli strumenti appositi (li potete trovare abbastanza frequentemente nei negozi di casalinghi più forniti) per fare manutenzione direttamente in casa.

Ovviamente le lame sono la parte fondamentale della forbice, quindi quella che va gestita con maggiore cura, evitando ad esempio urti (più o meno accidentali) con superfici e materiali che potrebbero danneggiarla. In più, a parte le forbici per i bambini (tendenzialmente più sicure perché molto stondate e con un filo utile appena a tagliare la carta), molti dei modelli che abbiamo in casa possono essere potenzialmente estremamente pericolosi per via sia della punta (spesso affilata quanto la vera e propria lama) che del taglio.

Un esempio per tutti: pensate (se volessimo parlare in senso puramente egoistico) ai prezzi delle forbici professionali per parrucchieri (spesso presenti non solo nei saloni di bellezza, ma anche nei beauty case privati delle signore) e immaginate cosa possa succedere se, a causa di un semplice urto, il vostro prezioso oggetto cada in terra danneggiando irreparabilmente la lama. Nella maggior parte dei casi bisognerà comprare un nuovo esemplare. Non un gran bell’affare…

Photo by mostafa meraji on Unsplash

Pulizia

Ogni tanto, come in tutti i campi, è bene pulire i nostri attrezzi, anche se usati meno, e le forbici non fanno di certo eccezione. Come fare? Ebbene, il consiglio è quello di evitare per quanto possibile l’acqua e altri agenti corrosivi (al massimo potete provare con pochissimo sapone neutro, risciacquando immediatamente e asciugando velocemente tutto), favorendo invece sulle lame un panno imbevuto con pochissimo olio. 

Assolutamente da evitare è il lavaggio in lavastoviglie perché non solo potrebbe macchiare irreparabilmente le forbici, ma (specie se le lasciate asciugare all’aria) potrebbero anche essere attaccate molto velocemente dalla ruggine. Se proprio la loro condizione necessita di un lavaggio più approfondito e preferite comunque rischiare (pur sapendo che è meglio lavare a mano piuttosto che con la macchina), allora fatelo usando un detersivo molto delicato e il programma più leggero che avete, ricordandovi di non lasciar asciugare all’aria la lama. Poi, ovviamente, oliate le vostre forbici come spiegato prima.

Questi sono solo alcuni consigli di uso comune riguardo alla corretta manutenzione delle forbici che avete in casa, ma per non avere dubbi tenete presente che la cosa migliore da fare è quella di leggere le istruzioni fornite dal costruttore.