Inviaci il tuo diario di viaggio e le foto delle tue vacanze a redazione@cafeweb.it

Creta, luoghi da non perdere tra monumenti e attrazioni turistiche

Creta, luoghi da non perdere tra monumenti e attrazioni turistiche

Palazzo Knosso

Quando si parla della Grecia non possiamo fare a meno di pensare a Creta, una delle località turistiche maggiormente apprezzate dai turisti di tutto il mondo. Stiamo parlando dell’Isola più grande e caratterizzata da una straordinaria bellezza, dove la storia e i monumenti sono ancora visibili ai giorni nostri.

Le bellezze di Creta e dintorni

Creta offre al turista curioso, tantissime cose da vedere, dal Palazzo di Knosso al meraviglioso Museo Archeologico di Heraklion, un piccolo paesino caratterizzato da una meravigliosa spiaggia bianca e da un mare turchese. Per chi non lo sapesse Heraklion è la capitale, la città più grande e dove ci sono un sacco di luoghi da vedere.
Sicuramente non potrete fare a meno di ammirare la splendida Fortezza e all’Arsenale che sono stati lasciati dal possedimento veneziano. Merita di essere visitato almeno per un paio di ore il museo, dove potrete ammirare in prima persona, i principali reperti archeologici dell’era Minoica con testimonianze risalenti a 4.550 anni fa.
La maggior parte dei reperti che vengono gelosamente custoditi nel museo, arrivano da Knosso, Festo e Hania. Tra questi meritano di essere visti: Il Disco di Festo, le statue della Dea dei Serpenti e i Rython, contenitori utilizzati per bere il vino o altri liquidi.
Visitare il museo è possibile dalle 8 alle 20 nel periodo estivo e dalle 11 alle 17 in quelle invernale, il prezzo è di 4 euro ma pagando 10 euro potrete visitare anche l’imponente palazzo di Knosso.
Non avete mai sentito parlare di Creta ma sicuramente conoscete la storia di Minosse e del Minotauro rinchiuso nel labirinto. Nel 2000 A.C Knosso era conosciuto come una città palazzo gestita da Minosse che dominata tutta l’Isola.
Un tempo era considerato un vero palazzo di lusso, così grande da essere considerato un labirinto come narra la leggenda.

La leggenda di Dedalo

Secondo le leggende che vengono narrate nei secoli, l’architetto che costruì il palazzo fu Dedalo, rinchiuso alla fine dei lavori insieme a suo figlio Icaro; lo stesso costruì delle ali di cera per scappare ma portò il figlio troppo lontano fino a farlo cadere nel mare.

Dopo l’epoca di ricchezza, il palazzo di Knosso cadde in rovina fino al 1900, quando Sir Arthur lo riportò alla luce; oggi si possono vedere meravigliosi affreschi, le stanze e i bagni con acqua calda che un tempo erano considerati una vera opera tecnologia.

Durante le serate, potrete sedervi ai bar che si trovano sul Lago di Voulismeni e provate ad assaggiare una Saumàda, si tratta di una speciale bevanda a base di latte di mandorla. Questo relax spettacolare, si può vivere solo nella località di Agios Nikolaos, una delle mete preferite dai turisti di tutto il mondo.
Le spiagge sono state premiate con la Bandiera Blu, sabbia fine da sembrare sale, angoli nascosti e lunghe distese di eucalipti che vi faranno sentire fuori dal mondo.

Anche in questo luogo è presente un piccolo museo archeologico dove sono custoditi: Il Vaso della Dea Mirta, usato per propiziazioni riguardanti la fertilità e il Teschio dell’atleta, caratterizzato da una corono d’alloro in oro e la moneta per pagare il traghettatore che porta le anime nel mondo dei morti.
credit photo:Malki at the Polish language Wikipedia [GFDL, CC-BY-SA-3.0 or CC-BY-SA-2.5-2.0-1.0], via Wikimedia Commons