Inviaci il tuo diario di viaggio e le foto delle tue vacanze a redazione@cafeweb.it

Acqui terme, cosa andare a vedere nella provincia alessandrina

Clarissa Cusimano

Con l’arrivo dell’estate bisogna iniziare a pensare alla meta da scegliere per un viaggio culturale, ma allo stesso tempo rilassante. Oggi vi proponiamo Acqui terme, in paesino in provincia di Alessandria tutto da scoprire.

L’acquedotto romano, il museo civico archeologico, la Basilica di San Pietro e la Cattedrale dell’Assunta, queste le principali attrazioni che non potete assolutamente perdervi se scegliere di visitare Acqui terme.

acqui terme cosa visitareAcqui terme, un paesino in provincia di Alessandria (Piemonte), offre valide attrazioni da visitare se si desidera compiere un viaggio culturalmente stimolante.

La prima area da andare a vedere è sicuramente quella dell’acquedotto romano. Gli archi di questo incredibile acquedotto sono stati ideati dai romani agli inizi del primo secolo dopo Cristo e si ergono lungo la parte superiore del fiume Bormida. Assolutamente da non perdere è il panorama offerto da questa zona di Acqui Terme, il cui acquedotto costituisce uno dei più importanti esempi di architettura romana.

Altra attrazione è costituita dal Museo Civico Archeologico: le sale interne della struttura ospitano manufatti reduci dalla preistoria e dalla protostoria. Sono presenti realizzazioni in selce scheggiata, che risalgono all’età del Paleolitico e a quella del Mesolitico, asce in pietra verde levigata del Neolitico e manufatti in ceramica dell’età del Bronzo.

Anche la Basilica di San Pietro è assolutamente da non perdere. Si tratta di una delle più antiche cattedrali italiane, costruita durante il quarto secolo dopo Cristo. In seguito riedificata durante l’undicesimo secolo, assunse le forme romaniche attuali. Da visitare è anche la Cattedrale dell’Assunta, che si trova lungo la zona più antica della città. Resa sacra nel 1067, l’antico impianto romanico è stato modificato nel corso degli anni numerose volte: nonostante ciò, sono ancora perfettamente visibili il transetto, il presbiterio, il tiburio e il campanile.