The Imitation Game

The Imitation Game

Direttamente dalla mente del registra norvegese Tidum, arriva il film The Imitation Game, dove viene narrata la storia di Alan Tuirng, popolare matematico unico al mondo stato capace a decriptare il codice nazista Enigma nella Seconda Guerra Mondiale.

Il film è ambientato in quel periodo esattamente il 1952, quando le autorità britanniche entrano nella casa del matematico per indagare sulla segnalazione di furto. Alla fine decidono di arrestare il matematico per atti osceni e che successivamente l’ha reso popolare in tutto il mondo per la sua omosessualità.
Peccato che nessuno sa che l’arrestato è il primo pioniera della moderna informatica, popolare leader di gruppi eterogeni di studiosi, linguisti e campioni di scacchi pronto a desiderare i codici dei nazisti. Per la parte è stato scelto un attore perfetto: Benedict Cumberbach, riuscito ad interpretare perfettamente nel ruolo di uomo sempre pronto a dedicarsi al lavoro e pronto ad affrontare la sua omosessualità (ai tempi illegale).
Al suo fianco Keira Knightley, Matthew Good e Mark Strong, pronti ad interpretare i ruoli più importanti di una scenografica sempre attenta al periodo storico trattato. Un film davvero piacevole da guardare seguito da un buon ritmo degli eventi e con un finale inaspettato, vale la pena di conoscere la storia che molti ignorano e che in questo caso viene proposta in una versione da romanzo con una colonna sonora perfetta.