Mariella D'Ippolito

#grandipasticci

#grandipasticci

E pensare che quando vedevo questi "esserini", piccoli e ringhiosi, mi infastidivo. Li trovavo insopportabili per il loro continuo abbaiare, per me senz' alcun significato, e per quel loro modo di giocare che consisteva nel saltellare continuamente come fossero canguri e venirti addosso, se cosi si può dire, visto che le dimensioni gli permettevano di […]