Per dormire meglio non servono le benzodiazepine, basta Quetidia

Marco Quintieri

quetidiaTeanina e passiflora: un mix perfetto tutto naturale che aiuta a combattere l’insonnia. Che la passiflora sia una pianta ricca di flavonoidi, dall’effetto sedativo sul sistema nervoso centrale, e di alcaloidi indolici dall’azione calmante è oramai risaputo. Per questo motivo in erboristeria viene utilizzata per fornire un effetto rilassante su chi soffre di ansia e tachicardia. Ma pochi sanno che combinata alla teanina è estremamente efficace per favorire il buon riposo notturno. Ecco perché viene già miscelata nella combinazione ottimale nelle praticissime capsule del nutraceutico Quetidia, assieme a magnesio e scutellaria. Vediamo nel i segreti dell’efficacia delle sostanze impiegate nel prodotto:
• il vantaggio della passiflora è che offre all’umore benefici simili a quelli prodotti dalle benzodiazepine perché regola la serotonina, e il rilascio di adrenalina e cortisolo, ma a differenza delle benzodiazepine impiegate nei farmaci ansiolitici, la passiflora contenuta anche nel nutraceutico Quetidia non comporta assuefazione o crisi d’astinenza;
• già ribattezzata “effetto nirvana” per la sua spiccata azione rilassante, la teanina è un aminoacido che viene estratto dal tè verde in forma purificata. I monaci orientali la assumano in grandi quantità per raggiungere quella calma interiore e quella serenità mentale necessarie per la meditazione. Inserita nella formulazione di Quetidia forma un mix rilassante di grande effetto perché allenta la tensione nervosa che impedisce di riposare o di prendere sonno; si chiama L-Teanina l’aminoacido estratto dalle piante del tè verde e impiegato nella formulazione del prodotto che agisce come neurotrasmettitore e induce la produzione delle onde alfa cerebrali che accompagnano il rilassamento;
• per potenziare l’effetto dei due principi attivi citati, Quetidia contiene anche la baicalina, un tipo di flavonoide della Scutellaria che intensifica l’azione rilassante già prodotta con l’apporto dei suoi benefici calmanti, antistress e ansiolitici, confermati da numerosi studi clinici;
• infine è presente il magnesio utilizzato dal corpo in tanti processi fondamentali come la trasmissione degli impulsi muscolari, la trasmissione nervosa e la stabilità elettrica cellulare e per questo utile a contrastare la stanchezza.

Rischia di più chi si sveglia di notte

Riposare profondamente è necessario per la salute della mente, per la memoria e per il sistema immunitario. Dormire bene e in quantità adeguata non è una perdita di tempo, ma un’abitudine salutare. Lo sanno bene coloro che, al contrario, devono fare i conti con i disturbi del sonno. Secondo le ultime stime il 45 per cento degli italiani è affetto da insonnia acuta o temporanea e ben 9 milioni di italiani soffrono addirittura di insonnia cronica. I risultati emersi dall’indagine condotta in Italia dall’Eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico, sottolineano che sette persone su dieci hanno disturbi del sonno, che quattro su dieci faticano a prendere sonno la sera, che il sonno interrotto anche più volte la notte è un problema per tre persone su dieci e che invece due persone ogni dieci si svegliano ben prima che la sveglia suoni. Di solito la maggior parte delle persone che cominciano a usare dei preparati naturali come Quetidia per favorire il riposo notturno, lo fanno perché hanno problemi ad addormentarsi. In realtà ci sono altri tipi di insonnia che non andrebbero affatto sottovalutati. Di recente gli studi scientifici hanno evidenziato che la tipologia di disturbo del sonno che più frequentemente tende a diventare cronica con grande facilità è l’incapacità di dormire in maniera ininterrotta, perché il riposo viene frammentato da diversi risvegli nel corso della notte. Questo tipo di insonnia può diventare un problema cronico nel 70 per cento dei casi. Ecco perché iniziare subito ad assumere un preparato naturale, che favorisce il rilassamento fisico e anche quello mentale senza dare assuefazione né dipendenza, è la strategia migliore per non cadere nella spirale delle notti in bianco e delle giornate con gli occhi cerchiati.