La giusta alimentazione per avere la pancia piatta

Caterina Stabile

La giusta alimentazione per avere la pancia piattaLa giusta alimentazione per avere la pancia piatta. La pancia piatta è un’arma di seduzione su cui le donne vogliono poter contare e per questo sono pronte a fare dei sacrifici. Spesso questa sfida si affronta attraverso l’esercizio fisico e la dieta, sottoponendosi a sessioni di addominali regolarmente, ma anche facendo qualche rinuncia a tavola. Alcuni cibi infatti gonfiano più di altri e tra questi ci sono degli alimenti insospettabili, solitamente ritenuti positivi, ma nemici della linea quando si esagera.

Bisogna comunque ridurre il consumo di pane, pasta, riso e i legumi, per tenere sotto controllo l’insulina, l’ormone che ha il compito di assorbire il glucosio e che uno dei maggiori responsabili dei rotolini che si accumulano su addome e fianchi. Per quanto riguarda l’apporto di proteine, sono suggeriti pesce, uova, carni bianche e carni rosse magre. No alla carne troppo grassa. Il pesce, grazie agli Omega3 che ostacolano l’invecchiamento della pelle e abbassano il tasso di trigliceridi nel sangue, è un alimento salutare.

Tra gli alimenti insospettabili ci sono le fibre, infatti, non tutte favoriscono il transito intestinale, sgonfiando la pancia, alcune difficili da digerire: i legumi, ad esempio, possono irritare il nostro stomaco. Per quanto riguarda le verdure, bisogna preferire quelle cotte a quelle crude. Anche esagerare sgranocchiando carote, finocchi ed altre crudités non è consigliabile. Bisogna inoltre fare attenzione anche nella scelta della frutta: è preferibile quella cotta o la frutta matura, da evitare la frutta ancora acerba ed i frutti troppo dolci: gli zuccheri rallentano il transito intestinale. Tra le ciliegie e le albicocche, ad esempio, è meglio mangiare le albicocche, che sono meno zuccherate.

Tra gli alimenti da evitare perché provocano gonfiore ci sono i cavoli, i broccoli, i porri, le banane ed in generale tutti quei cibi che tendono a fermentare nello stomaco, rilasciando gas. Via libera invece ad avocado, asparagi, melone, ananas, lattuga e kiwi.

Per quanto riguarda i cereali bisogna rinunciare a quelli raffinati, sono invece consigliati quelli integrali: segale e farro su tutti. Sia per il riso che per il pane è meglio preferire la versione integrale. No al latte intero che può irritare l’intestino, ottimo il latte di soia e gli yogurt probiotici, arricchiti di batteri, naturalmente presenti nella flora intestinale, che ci aiutano a digerire meglio.