Sport e allenamento fisico: Come prevenire gli infortuni

Mariella D'Ippolito

sport-e-allenamento-fisico-come-prevenire-gli-infortuni

Lo sport da sempre è riconosciuto come metodo non solo per tenersi in forma fisicamente ma anche mentalmente. E’ quel momento che in tanti lo utilizzano per scaricare le tensioni di una giornata di lavoro, in ufficio o semplicemente a casa, ma anche come integrativo di una dieta dimagrante.

Praticare sport e attività fisica è anche un modo per sviluppare spirito di gruppo, socializzando e condividendo interessi comuni.

Riscaldamento muscolare e stretching per evitare infortuni

Ma oltre a questo migliora l’equilibrio fra corpo e mente, aumenta la propria autostima favorendo in alcuni casi la possibilità di praticare attività fisica anche a livello agonistico. Associato ad una alimentazione equilibrata favorisce la salute fisica e contrasta obesità e sovrappeso, nonché patologie e disturbi cronici. Ma attenzione però! In molti casi si assiste a situazioni drastiche che portano a veri e propri infortuni legati al fai da te o alla fretta di voler raggiungere dei risultati che, diversamente da come si pensa, necessitano di allenamenti costanti e soprattutto di un personal trainer che ci aiuti a coordinare bene i movimenti e a realizzarli in maniera corretta. Infatti è sempre consigliabile affidarsi a strutture competenti, in misura maggiore se lo sport o attività fisica è mirata al raggiungimento di determinati obiettivi. In linea generale, sia se si è proiettati verso sport all’aperto, quali ciclismo, running o verso attività fisiche che solo le palestre offrono quali i vari rami del fitness, è bene seguire delle linee guida, dei consigli che riguardano in special modo il riscaldamento muscolare e lo stretching. Per ciò che riguarda il riscaldamento, vanno dedicati almeno i primi 10 minuti dell’allenamento, praticando flessioni, torsioni del busto e degl’arti, senza dimenticare gli esercizi legati alla respirazione.Per evitare gli infortuni sportivi, lo strectching è la fase successiva da eseguire, facendo attenzione a non molleggiare e a farlo in maniera graduale (non superare i 15 secondi). Ricordate che non tutti gli obiettivi prefissati si raggiungono in egual misura, ecco perché non bisogna addebitare la causa solo al modo in cui ci alleniamo. La struttura fisica di ciascun individuo reagisce in maniera differente agli stimoli esterni ecco perché un allenamento personalizzato, nei modi e nei tempi, sarà quello migliore da scegliere.

Da non sottovalutare stanchezza e distrazione

Una cosa fondamentale da non sottovalutare quando si hanno degli infortuni praticando sport è quella legata alla distrazione e alla stanchezza. Bisogna ascoltare il proprio corpo! Fare sport tutti i giorni con una durata prolungata, non vuol dire raggiungere lo scopo in maniera veloce, al contrario la probabilità di incorrere in infortuni è maggiore. Per questo motivo è necessario alleggerire il carico di lavoro e distribuirlo durante la settimana, magari a giorni alterni. Ricordiamo sempre che se vogliamo che lo sport rientri nei nostri programmi di vita, bisogna dosarlo e sfruttarlo nella giusta maniera.

“Il gusto dello sport è un’epidemia della salute”.  Jean Giraudoux