La nuova dieta con poca carne e pesce: Reducetarianesimo

La-nuova-dieta-con-poca-carne-e-pesce-Reducetarianesimo

Siete pronti a conoscere il nuovo regime dietetico che sta andando tanto di moda? Si chiama Reducetarianesimo e arriva dalla Gran Bretagna, alimentazione basata sulla riduzione quasi completa di pesce e carne.

Non è simile a nessun stile alimentare, questa volta non centra il ridotto apporti di carboidrati o l’eccesso di alimenti ricchi di proteine. Si tratta di una novità nel mondo delle diete, appositamente dedicata a ridurre il consumo del pesce e della carne, per quale motivo? Forse è un approccio simile al vegano? Nemmeno i nutrizionisti lo definiscono un movimento alimentare.

Le persone che decidono di appartenere al Reducetarianesimo, vogliono vivere la vita con una nuova filosofia basata sulla riduzione progressiva degli alimenti citati.

Si tratta solo della prima fase della dieta, dove le persone sono portate a diminuire la presenza di carni e affini per creare un menu adeguato allo stile di vita.
Non bisogna confondere il Reducetarianesimo con una dieta dimagrante, il suo obiettivo è quello di salvaguarda l’ambiente, favorendo l’alimentazione umana con frutta e verdura evitando l’inquinamento con allevamenti esagerati ed evitando anche il peggioramento della salute causato da consumi eccessivi di grassi.
In questi mesi è stata avviata ufficialmente una raccolta fondi per finanziare questo progetto e sono stati raggiunti i 15 mila dollari. Il concetto di questo progetto alimentare è conseguire il concetto “meno ma meglio”, questa scelta è fondamentale per tutti e può essere considerata interessante a livello etico.
Il blog e il sito ufficiale del Reducetarianesimo, parla di un modo salutare per vivere più a lungo e felici. Basta essere pronti ad entrare in questo regime, per imparare a mangiare meno carne in modo naturale, si parte da un mese alla settimana in cui non si consumano proteine di origine animale e giorni alterni la carne si mangia solo a cena o a pranzo.
Dopo il primo mese di ristrettezze che potrà sembrare un periodo molto lungo, l’organismo si sarà abituato a questo regime, con un’alimentazione completa e non drastica come avviene nel caso dei vegetariani.
Che ne pensate di questo nuovo regime alimentare?

Siete davvero pronti ad entrare a far parte del reducetarianesimo?

Condividete il vostro pensiero è importante capire cosa vi piace mangiare e in che modo affrontate queste nuove tendenze in campo alimentare.