La mela di Biancaneve diventa realtà: Mele con pesticidi

mele-con-pesticidi-

La notizia è stata lanciata direttamente da Greenpace: La produzione intensiva delle mele fa amale all’uomo, in commercio sono presenti diverse mele con pesticidi.

Si tratta di uno stock di frutti avvelenate da cocktail di farmaci, infatti, è stata rilevata una massiccia dose di pesticidi tossici nelle coltivazioni europee.
Attenzione stiamo parlando di pesticidi tossici sia per l’ambiente sia per le persone. La denuncia di Greenpace arriva dopo un utilizzo esagerato dei pesticidi, utilizzati a livello industriale per una produzione di massa. Il suggerimento è quello di optare per soluzioni sostenibili esigenti, che devono essere utilizzati dagli agricoltori immediatamente.
I meleti possono essere protetti anche senza utilizzare i pesticidi chimici. Le informazioni rilasciate dalle analisi sono davvero pericolose: l 78% dei campioni selezionati contengono almeno uno dei tanti pesticidi chimici. L’analisi è stata condotta su 85 campioni di acqua e suolo in dodici paesi dell’Europa, tra cui anche l’Italia.
Sapete che ogni giorno mangiate mele avvelenate da 53 pesticidi? E’ arrivato il momento di bloccare questa fabbrica di produzione per evitare il peggioramento della situazione. Tra i pesticidi più utilizzati troviamo: Fungicida Boscalid presente nel 38% dei casi e il Cloripiros riscontrato nel 20% dei campioni analizzati.
La notizia che delude maggiormente è quella relativa al mercato italiano, infatti, la nostra regione fa parte dei paesi più alti per la presenza di pesticidi nel suolo, seguita da Belgio e Francia. L’agricoltura industriale ha bisogno di trattamenti speciali per offrire delle mele sempre perfette, ma questa è la scelta ideale per il benessere di tutti?
E’ arrivato il momento di pensare allo stop definitivo dell’utilizzo massiccio di pesticidi. Bisogna trovare delle soluzioni sostenibili per gestire i problemi legati all’elevata tossicità di tutte le coltivazioni. Secondo Greenpace è ora di voltare pagina, con pratiche sostenibili dove non avviene la contaminazione del suolo e delle acque.