Flora intestinale: sintomi e cure

Flora intestinale: sintomi e cure

Molti italiani non lo sanno ma i problemi con la flora intestinale sono chiamati Disbiosi, ovvero un’eventualità fastidiosa e frequente che può portare a problematici disturbi intestinali.

Alla base di tutto trovate un’alterazione della flora batterica, dove il normale equilibrio tra i batteri buoni e cattivi, garantisce la salute dell’intestino.
Non preoccupatevi non si tratta di nulla di grave, anzi è un’alterazione piuttosto diffusa che colpisce il 70% della popolazione e che può essere scatenata da diverse cause.

Quali sono i sintomi dei problemi con flora intestinale?

Tra i principali sintomi riguardanti la flora batterica, possiamo parlare di un gonfiore addominale che non permette di vivere al meglio le giornate, abbinato a problemi digestivi e diarrea o stipsi con stanchezza e nervosismo. Normalmente l’intestino è ricco di batteri che permettono di garantire l’equilibrio generale e distribuisce in maniera equa tutto il benessere e la regolarità gastro intestinale.

Quali cause portano a questi problemi?

I problemi collegati alla disbiosi intestinale nella maggior parte dei casi, riguardano la cattiva alimentazione, ovvero quando si consuma un sacco di cibo spazzatura, grassi, bevande gassate e carne rossa. Il consumo giornaliero di questi elementi, porta ad aggredire l’intestino causando bruciori, inoltre la qualità degli alimenti è molto importante per offrire un buon equilibrio della flora batterica.

Come curare il disturbo?

Vi state chiedendo in che modo curare questi disturbi che possono causare anche non pochi problemi? Nella maggior parte dei casi, la scelta migliore è quella di riuscire ad ottenere un equilibrio della flora batterica intestinale utilizzando probiotici, integratori a base di fermenti lattici vivi e varie concentrazioni che hanno una benefica azione depurativa.
I trattamenti migliori consigliati sono la biorisonanza e il biofeedback. Inoltre è consigliabile mangiare molta verdura sia cruda che cotta e consumare carboidrati a pranzo e proteina la cena. Via libera anche alla frutta che può essere utilizzato come un ottimo spuntino per spezzare la fame di metà mattina o pomeriggio. Non dimenticate di integrare anche tanta acqua, tè e tisane per ottenere un buon livello di idratazione.
Seguire questa dieta per alcune settimana, dovrebbe far placare i problemi e creare di nuovo una flora sicura e pronta ad offrire il massimo del benessere a tutto l’organismo. La scelta migliore è quella di tenere in considerazione anche il livello di stress, spesso raggiunti i massimi livelli si crea la possibilità di ritrovarsi con problematiche di un certo livello come: acidità e bruciori in questi casi una cura anche a livello farmacologico potrebbe essere consigliata dal dottore.