Creme antiage: Proprietà e caratteristiche

Caterina Stabile

Creme antiage: Proprietà e caratteristiche

Per rallentare gli effetti del tempo che scorre inesorabilmente e lascia tracce principalmente sulla pelle del viso vengono suggerite dal settore della cosmetica diverse tipologie di creme antiage e tra i prodotti di recente generazione quelli maggiormente ricercati dalle donne ci sono le formulazioni performanti che agiscono contro le rughe, la perdita di fermezza di densità della pelle, perdendo volume e compatezza, a cui si aggiunge anche la carenza di luminosità.

La scelta della crema antiage deve affidarsi a degli elementi fondamentali che soddisfino in pieno le esigenze delle donne che hanno superato gli “anta”.

In commercio si trovano diverse formulazioni che elencano tra i loro ingredienti basi diverse sostanze antiossidanti e degli attivi antiglicazione, si aggiungo anche gli acidi della frutta che hanno la capacità di favorire il rinnovamento cellulare, in particolare tra gli estratti della frutta la vitamina C è quella più utilizzata alla base di vari prodotti cosmetici. Per le pelli normali o secche sono indicate le creme che contengono oli vegetali dall’azione anti-invecchiamento che contengono una grande quantità di acidi grassi insaturi come ad esempio: l’olio di borragine, olio di jojoba e l’olio di argan.

Cosmetici antiage

Tra i principi attivi dalle proprietà antiage quelli più efficaci che devono ritrovarsi alla base della formulazione di questi prodotti che arrestano l’invecchiamento ci sono le creme che contengono retinolo, considerato l’antiage di riferimento alla base di diverse formulazioni pensate per le donne più mature; anche l’acido ialurionico  per la sua azione di riempimento favorisce il riempimento delle fibre della cute per cui cerca di dare al viso un aspetto più pieno. Un’altra proprietà che non deve essere trascurata nella scelta delle creme antiage vi è la capacità di rendere più radioso l’incarnato, di solito la mancanza di luminosità è dovuto alla ridotta microcircolazione cutanea quindi si deve favorire la stimolazione in maniera naturale.