Eliminare le malattie al cervello: Da oggi è possibile

brain1

Ogni giorno milioni di persone rimangono vittime di malattie legate al cervello, non sempre facili da curare a causa di alcune patologie che sono ancora ignote agli esperti. Grazie alla scoperta di un neurone artificiale, alcuni scienziati svedesi del Karolinska Intitutet d Stoccolma, hanno trovato il meccanismo che permetterà di salvare il cervello da attacchi poco piacevoli.

Alla base della scoperta troviamo una plastica conduttiva, capace di veicolare gli impulsi elettrici come se fosse una cellula naturale. Se i test scientifici daranno esito positivo e permetteranno di miniaturizzare il neurone per integrarlo all’interno dell’organismo, la scienza potrà per la prima volta ottenere le migliori condizioni ed eliminare ogni malattia legata alla massa celebrale.
L’obiettivo è quello di rendere possibile l’inserimento di cellule artificiali nel corpo umano. Solo in questo modo sarà possibile ripristinare le zone danneggiate in maniera mirata e intelligente, controllando i progressi tramite tecnologia Wireless.
Sarà un primo approccio per dire addio per sempre ai disturbi neurologici? Secondo gli esperti se tutto dovesse andare nel modo migliore, si potrà ripristinare le zone danneggiate in maniera mirata e intelligente, interrompendo gravi patologie come il Morbo di Parkinson.
Rispetto alla versione naturale il neurone artificiale è in grado di curare e ricostruire le zone danneggiate dai disturbi fino a ora considerati micidiali. Possiamo pensare a questa nuova scoperta come alla chirurgia estetica, che ha da molti anni la funzione riparatrice, grazie al suo utilizzo interno.
Il meccanismo che sta per essere testato, colpirà anche le cellule non interessate dal disturbo e questo favorirà maggiormente il ripristino delle condizioni ottimali per vivere una nuova vita, senza malattie al cervello.
In poche parole possiamo confermare che il cervello del futuro è pronto per entrare in azione, questa volta non formato da parti vive ma da una plastica conduttiva.