Agrumi quali benefici apportano   

Caterina Stabile

Agrumi quali benefici apportano

Agli agrumi vanno attribuite diverse virtù che agiscono a livello generale su tutto il corpo, anche se la principale azione benefica da sempre riconosciuta a questa classe di frutti è la loro capacità di combattere la sindrome influenzale ed i disturbi da raffreddamento, non vanno però trascurate altre azioni efficaci nei confronti di disturbi quali: insonnia, inappetenza, fragilità capillare, stomatiti, gengiviti, malattie infettive.

Secondo recenti studi se si assumono regolarmente agrumi si scongiura il rischio di sviluppare alcune forme tumorali quali il cancro allo stomaco ed all’intestino.

Clementine, mandarino e arancia

Gli agrumi  oltre alla vitamina C, contengono anche retinolo equivalenti che nell’organismo si trasformano in vitamina A, a cui si sommano poi le vitamine B1, B2, B3; nello specifico questi frutti in quanto ricchi in vitamina C consentono di alzare il livello dei neurotrasmettitori epinefrina e norepinefrina per cui mantengono il soggetto attento e particolarmente reattivo. Tra i diversi agrumi, i mandarini e le clementine attivano un effetto calmante, grazie alla presenza di bromo che distende il sistema nervoso, i due frutti sono molto dissetanti, inoltre sono utili per trattare diversi disturbi come ad esempio la fragilità capillare e l’insonnia; alla scorza di questi  agrumi vanno attribuite delle proprietà toniche, mentre la presenza di limonene e di antiossidanti protegge dall’azione dei radicali liberi. In particolare il mandarino contiene proteine, vitamina B, vitamina C, magnesio, fosforo, calcio, selenio, grazie a questo mix di sostanze attiva un effetto antinvecchiamento contrastando i radicali liberi, potenzia pure il sistema immunitario e favorisce il processo di coagulazione del sangue. Per quanto riguarda i benefici da poter riconoscere all’arancia bisogna sottolineare che offre un buon apporto di vitamina C, pectine, flavonoidi, antiossidanti; per cui alle arance possono essere attribuite delle virtù di tipo digestivo e depurativo, stimola l’assorbimento del ferro, potenzia la resistenza alle infezioni, in più può contare su delle efficaci proprietà antiossidanti; tra le proprietà ancora da valutare vi è l’effetto anticancerogeno, si ipotizza che l’arancia possa prevenire il cancro allo stomaco.

Benefici degli agrumi

Limone e pompelmo

Il limone possiede  vitamina C, betacarotene, vitamine del gruppo B, bisogna poi segnalare l’apporto dia limonene, che protegge dal cancro al seno; questo agrume è capace di abbassare il livello di zuccheri nel sangue e di eliminare i grassi, favorisce la cicatrizzazione ed è un coagulante naturale; si tratta di un rimedio consigliato per migliorare la digestione e la funzionalità epatica. Il  limone è un valido aiuto per la salute perché possiede diverse proprietà dimostrandosi: un antisettico naturale ed un valido battericida, si dimostra anche un astringente ed un tonico del sistema nervoso. Si può ricorrere a questo agrume in caso di: difese immunitarie in calo;  raffreddore; bronchite, problemi digestivi; uricemia; gotta, artrite; reumatismi; arteriosclerosi; anemia; ipertensione; stomatiti; tonsilliti. Non bisogna sottovalutare poi l’azione benefica del pompelmo in quanto contiene potassio, vitamina D e flavonoidi; il consumo di pompelmo favorisce la risoluzione di casi di gastrite, problemi allo stomaco, disturbi polmonari, artrite, affezioni renali, gotta.