Ritenzione idrica in estate

Caterina Stabile

Ritenzione idrica in estate

Spesso in estate si accentua il patologico accumulo di liquidi nello spazio extra cellulare, a causa di un deficit nel drenaggio linfatico e dell’ aumento del contenuto di sodio che determinano l’accumulo dei liquidi in eccesso, la ritenzione idrica dipende nella maggior parte dei casi dallo squilibrio tra la quantità di potassio che si trova all’interno delle cellule e la quantità di sodio che circola all’esterno.

Cause della ritenzione idrica

Il problema quindi dal punto di vista cellulare riguarda la proporzione tra potassio e sodio, che dovrebbe essere simile ed equo per permettere gli scambi necessari all’organismo; con il caldo il corpo è soggetto ad una maggiore traspirazione che determina una maggiore perdita di sali minerali difficili da integrare determinando così uno squilibrio maggiore e duna maggiore stasi dei liquidi che causano gonfiore.

La mancata funzione di drenaggio da parte dei vasi linfatici si fa più evidente durante i mesi caldi dell’anno quando la circolazione a livello linfatico risulta rallentata soprattutto a livello degli arti inferiori.

Bere per risolvere la ritenzione idrica

Depurarsi per attivare un effetto dissetante

L’aumento della ritenzione idrica soprattutto in estate si manifesta in associazione ad una sensazione di pesantezza, intorpidimenti agli arti inferiori, aumento di peso, circolazione rallentata a causa del cattivo funzionamento delle vie linfatiche o del microcircolo sanguigno. Per combattere la ritenzione idrica è quindi fondamentale ridurre l’apporto di sodio seguendo una dieta ad hoc, preferendo verdura e frutta di stagione, inoltre è importante bere molto nell’arco della giornata per eliminare i liquidi in eccesso e favorire la diuresi. Sono utili per depurarsi e per attivare un effetto dissetante diverse tisane a base di diversi principi attivi quali: finocchio, anice, carciofo, pilosella, nocciolo, tarassaco. Sono particolarmente indicati poi i preparati a base di estratti di ribes nero che stimolano la corretta circolazione, questo perché il ribes nero è ricco di vitamina P, una sostanza che agisce per inibizione enzimatica anche per la stabilizzazione di collagene come antiossidante ed antinfiammatorio.