Come combattere l’insonnia dovuta al caldo

Caterina Stabile

Come combattere l’insonnia dovuta al caldo

Il caldo può diventare un problema anche durante la notte a causa dell’elevato tasso di umidità, molte persone quindi presentano delle difficoltà a prendere sonno oppure a dormire regolarmente.

Per combattere l’insonnia da caldo ci sono alcuni piccoli accorgimenti da prendere in considerazione prima di impostare il condizionatore a palla o di lasciare un ventilatore acceso.

Fare una doccia prima di andare al letto e applicare i consigli della nonna…

Per evitare che il caldo sia troppo soffocante prima di andare a dormire è consigliabile fare la doccia, ma scegliendo l’acqua tiepida per evitare di aumentare la sensazione di caldo. Tra i consigli della nonna si raccomanda poi di spruzzare sulle lenzuola e sui cuscini del letto qualche goccia di olio essenziale alla lavanda oppure di lasciarci sopra un mazzetto di lavanda in questo modo si rinfresca l’ambiente e si favorire il riposo. Per conciliare il sonno potrebbe essere inoltre di grande aiuto la pratica di un’attività sportiva anche durante l’estate in modo da disperdere energie e stancarsi. Per conciliare il sonno sono utili poi alcuni rimedi naturali dalle proprietà calmanti, per cui anche d’estate si può ricorrere alla classica tisana alla camomilla, tra le altre piante che favoriscono il riposo ci sono anche i lamponi, la passiflora, la melissa, il carcadè.

Oli essenziali alla lavanda per la insonnia

Prediligere alimenti ipocalorici

Anche l’alimentazione esercita un’influenza decisiva sul buon riposo notturno durante i mesi caldi dell’anno, per cui è bene optare per un regime ipocalorico e su dei piatti leggeri, con pochi condimenti e grassi aggiunti, tra gli alimenti da privilegiare ci sono: pane, pasta, riso, formaggi freschi, uova, frutta, verdura, lattuga, radicchio, latte, cereali integrali; vanno invece evitati quelli alimenti che contengono un eccessivo contenuto calorico come ad esempio i fritti, le salse, le merendine, gli snack salati, il cibo in scatola, le spezie piccanti, l’uso eccessivo del sale; è inoltre opportuno limitare il consumo giornaliero di bevande alcoliche, bibite gassate, caffè, bevande contenenti cacao, tè.