Collegamenti tra creatività e disturbo bipolare

collegamento-creativi-follia-

Siete sicuri che non esistano dei reali collegamenti tra la creatività e il disturbo bipolare? Secondo i recenti studi effettuati da parte del King’s College di Londra, i geni sono alla base di un legame indissolubile tra i due principi.

La dimostrazione è stata pubblicata sulle pagine di Nature Neuroscience, dove alcune fonti dimostrano che i fattori genetici sono molto importanti.

Pare che i pazienti con un’indole creativa, siano maggiormente portati a sviluppare malattie psichiatriche e disturbi bipolari. Peccato che la realtà scientifica da definire non è semplice e nella maggior parte dei casi, richiese un certo controllo. Gli scienziati hanno selezionato gli individui creativi che utilizzano i processi cognitivi diversi rispetto alle modalità di ragionamento.
I ballerini, gli attori, gli scrittori e gli artisti visuali sono stati considerati i lavoratori più a rischio. L’unione dei vari dati messi a completa disposizione dai ricercatori, confermano che il rischio genetico è piuttosto elevato. i dati confermano che i rischi sono inclusi a metà strada tra il rischio calcolato e quello diagnosticato.
La conferma è ufficiale: I comportamenti sani come la creatività, sono strettamente collegati alle malattie psichiatriche. Questo permette agli studiosi di analizzare pro e contro di questa teoria, sostenendo che i disturbi psichiatrici spesso sono predisposti dai geni. Nasce una nuova conoscenza per il settore, dove il paziente viene sottoposti a vantaggi particolari per intraprendere un percorso di guarigione dettagliato.
Questo è il momento migliore per analizzare pro e contro del settore, valorizzare la disponibilità di cure alternative volte a bloccare questa trasmissione. Prima di fare la scelta professionale adatta, da oggi i nuovi psichiatri possono contare sull’efficacia di alcuni test dettagliati che non deluderanno le prospettive di nessuno.
Siete pronti a valutare tutte le tendenze del vostro “io”? Attenzione alle ricadute che possono causare non pochi danni nella vita lavorativa.