Cervicalgia consigli pratici utili

Caterina Stabile

Cervicalgia consigli pratici utili

Molti soggetti vengono colpiti in determinati periodi da dolori che si localizzano nella regione cervicale, compresa tra la nuca e le spalle, nel tratto della colonna vertebrale superiore che danno forma al quadro sintomatologico della cervicalgia.

Oltre alla caratteristica sensazione di dolore locale, il soggetto può anche percepire altri fastidi come ad esempio senso di vertigine,  cefalee, nausea.

Facendo ricorsi ad alcuni rimedi naturali è possibile placare il quadro clinico associato a tale disturbo senza dover assumere farmaci.

Tra i trattamenti più indicati per dare sollievo alla cervicalgia di solito si consigliano esercizi posturali che permettono di placare il dolore, si tratta di semplici esercizi di postura da poter eseguire la mattina appena svegli e da ripetere nel corso della giornata all’occorrenza. Tra gli esercizi più utili si raccomanda di eseguire da seduto con la schiena dritta delle leggere piegamenti del capo verso destra inclinando il mento verso il basso lentamente, gli stessi movimenti devono essere effettuati sul lato sinistro prolungando progressivamente il mantenimento della posizione ad ogni ripetizione. Quando poi il dolore si fa più acuto, ma non è associato a particolari condizioni patologiche degenerative, si possono trarre dei benefici anche dall’applicazione a livello topico di una fonte di calore: di fatto la termoterapia apporta degli effetti positivi sui sintomi della cervicalgia. L’applicazione del calore nelle zone doloranti permette di distendere la muscolatura riducendo così la contrattura e stimolando la circolazione sanguigna che favorisce la quiescenza del dolore.

Massaggi per la cervicalgia

Esercizi di rilassamento

Talvolta può essere utile eseguire degli esercizi di rilassamento che migliorano i disturbi cervicali per cui si possono praticare dei massaggi delicati per poter distendere la muscolatura, per rendere più efficace il massaggio si può  utilizzare un olio essenziale, come ad esempio quello alla calendula, alla lavanda, oppure una crema idratante. Per cui si possono eseguire dei massaggi con movimenti circolari delicati in modo da far penetrare il prodotto tra gli strati della pelle riducendo la flogosi ed il dolore, volendo si può applicare un unguento tra cui l’arnica e l’artiglio del diavolo e poi tener calda la zona massaggiata.