Malattie esantematiche: i sintomi che le distinguono

Caterina Stabile

Malattie esantematiche: i sintomi che le distinguono

Tra le condizioni patologiche di età pediatrica più comuni bisogna segnalare le malattie esantematiche, un gruppo che comprende al suo interno diverse affezioni con un quadro sintomatologico simile, che rende spesso difficile per i genitori distinguere di quale malattia esantematica si tratti.

Malattie esantematiche

Anche se la raccomandazione è quella di allertare subito il pediatra quando il bambino presenta sintomi quali febbre, mal di gola ed eruzione cutanea disseminata su diverse aree del corpo si possono tenere a mente alcuni parametri diagnostici basici che permettono di effettuare una prima forma di diagnosi differenziale tra le malattie esantematiche più diffuse quali morbillo, rosolia e varicella. Nel caso dell’insorgenza del morbillo nei bambini, questa infezione virale si manifesta con sintomi simili influenzali come: tosse, febbre alta, sensibilità dell’occhio alla luce, naso chiuso; dopo qualche giorno da questo primo esordio di manifestazioni compare un’eruzione cutanea, che permette di identificare la malattia, il rash cutaneo del morbillo parte da dietro le orecchie e si irradia al volto ed al corpo nel giro di pochi giorni, inoltre tra i sintomi del morbillo bisogna segnalare anche: ingrossamento dei linfonodi di collo, ascelle ed inguine. Anche la varicella si palesa con dei sintomi iniziali simili a quelli di un comune raffreddore oppure di un virus gastrointestinale, successivamente si assiste alla formazione dell’esantema di natura alquanto pruriginosa con distribuzione dal tronco verso il viso ed altre aree del corpo, ma a differenza dell’esantema del morbillo nel caso della varicella l’eruzione presenta dei puntini rossi ed anche delle vesciche e pustole

Malattie esantematiche: i sintomi e rimedi

Un’altra comune affezione tipica dei bambini è la rosolia che si presenta con un esordio caratterizzato dalla comparsa di febbre (talvolta può non comparire) ed esantema lieve dalla colorazione rosa, rispetto al morbillo, l’esantema si presenta di un rosa più chiaro mentre la febbre risulta essere più bassa; nel caso del quadro patologico della rosolia si evidenzia di solito gonfiore di orecchie e nuca. Un’altra malattia comune tra le malattie esantematiche, è la scarlattina di natura batterica che si evidenzia con un’eruzione cutanea scarlatta, l’infezione causata dallo streptococco beta-emolitico di gruppo A può colpire la gola e/o la pelle e quindi provoca sintomi quali: mal di gola, febbre, mal di testa, linfonodi gonfi, eruzione cutanea rossa, pelle arrossata (sotto le ascelle, gomiti, pieghe inguinali), patina biancastra sulla lingua, nausea, vomito, dolore addominale.