Il bambino non mangia: Cosa fare?

Il bambino non mangia: Cosa fare

Capita spesso alle mamme di ritrovarsi con un figlio senza fame, le preoccupazioni che invadono la mente dei genitori sono tantissimi e di conseguenza, il panico può regnare sovrano.

Non preoccupatevi con la dovuta cautela si possono ottenere dei buoni risultati che non aiutano e portano a vivere la scelta migliore per trovare un giusto compromesso.
Non pensate subito che il bambino soffra di disturbi alimentari, avete già provato a dare meno da mangiare al piccolo oppure di proporre dei piatti alternativi? Molte mamme sbagliano e per amore preparano piatti fin troppo abbondanti per un piccolo stomaco, meglio valutare la possibilità di separare i cibi e offrire diversi piatti invece che un’unica alternativa.

Per esempio potete provare con una minestra, un formaggino e magari ottenere dei risultati poco alla volta cercando di abituare il bambino ai diversi sapori.

Il trucco più popolare è quello di offrire dei simpatici piatti animati, con i piselli che si trasformano in un prato verde e gli spinaci che possono essere presentati come dei capelli. Basta solo un po’ di fantasia per invogliare i bambini a mangiare, se si tratti di un piccolo ancora sul seggiolone, una valida alternativa è quella di provare a distrarlo, magari con le sue canzoni preferite, imboccando ad ogni rima il bambino per farlo divertire.
Nei casi in cui il bambino non vuole essere imboccato, gli esperti consigliano di lasciarlo fare da solo, in questo modo si potranno ottenere tutte le caratteristiche principali per uno svezzamento sereno. Sminuzzate il cibo e offrite il pasto, ammirando come si diverte e soprattutto quali cibi preferisce gustare in compagnia di musica e piatti saporiti.
Spesso basta poco per vivere in maniera serena lo svezzamento, la maggior parte delle mamme va in panico ma non è così che funziona. Per un buon risultato può volerci tempo e spesso le occasioni non mancano, visto che i piatti a forma di smile e divertenti per i più piccoli non mancano.
Vi siete chiesti per quale motivo il vostro bambino non sia ancora pronto a gustarsi i primi piatti solidi? In caso di problematiche costanti, potrete sempre chiedere consiglio al pediatra e se la situazione non si smuove, far controllare con dei test il piccolo è la scelta migliore. Nella maggior parte dei casi è solo questione di tempo, i bambini devono imparare a sperimentare e lasciarsi andare ai piaceri del cibo, questo non avviene sempre in automatico.
Date tempo a vostro figlio di ottenere tutti i vantaggi incredibili per una vita serena.