Disturbi nella gravidanza: Gonfiore e Vene varicose

Disturbi nella gravidanza: Gonfiore e Vene varicose

Le vene varicose e il gonfiore generale sono un grande problema per tutte le future mamme, la gravidanza porta con sé questi problemi e spesso chi si trova a vivere per la prima volta questa esperienza, non sa come fare ad eliminare questi fastidi.

Il disturbo più fastidioso è quello relativo alle vene varicose, esse si formano quando si dilatano e non aiutano il sangue a salire fino al cuore. Le donne in gravidanza iniziano a soffrirne a partire dal secondo trimestre o anche nel primo se la mamma ha messo su parecchio peso.
Ad esso si unisce una certa pesantezza e un gonfiore elevato alle gambe, normalmente subentrano anche dei problemi che possono peggiorare le sensazioni, ovvero: Se la donna sta troppo in piedi il risultato finale sarà quello di avere delle gambe gonfissime. Inoltre bisogna tenere in considerazione l’eredità, visto che se le vostre zie da giovani soffrivano di questo disturbo, lo stesso sintomo si presenterà con voi. I fattori genetici sono tremendi e devono essere considerati molto importanti.
Parlatene con il vostro medico e vi accorgerete di poter ottenere una cura preventiva per evitare ogni genere di problematica con il passare del tempo. Le mamme che hanno già vissuto l’esperienza, sanno bene che in questa fase della vita, le vene tendono a ingrossarsi e a creare la formazione di alti livelli ormonali.

Chiedete aiuto allo specialista che può prescrivere dei flebotonici, farmaci che rinforzino le pareti venose.

In alternativa potete sempre provare a indossare delle calza elastiche gratuite che vi aiuteranno ad evitare il problema.
Vi capita spesso di sentire una certa pesantezza alle gambe? Cercate di riposarvi spesso e tenetele sollevate con un cuscino messo sotto il materasso all’altezza dei piedi. Una breve passeggiata giornaliera di venti minuti, vi aiuterà a tenervi in forma per tutta la giornata.
Quando avete le forze, cercate di sdraiarvi su un tappeto per fare una pedalata con le gambe, questo vi aiuterà ad evitare la formazione delle vene varicose. Basta smettere appena iniziate a sentirvi stanche e velocemente potrete riprovare diverse volte per ottenere dei risultati speciali. Non volete far ginnastica? Provate ad appoggiare le gambe su un tavolo, mantenendole all’insù e vi accorgerete di non poter fare a meno di respirare un po’.
Meglio evitare l’accavallamento delle gambe perché quella posizione non fa altro che ostacolare il reflusso del sangue. Infine per un rapido sollievo serale, massaggiate le gambe con movimenti lenti e leggeri dalla caviglia in su per evitare di aumentare i problemi di ritenzione idrica.