Come rimanere incinta: durata dei rapporti, ovulazione e alimentazione

Caterina Stabile

Concepimento, maggiori possibilità di una gravidanza Come rimanere incinta: durata dei rapporti, ovulazione e alimentazione. Quando una coppia prende la decisione di avere un figlio dovrà prestare maggiore attenzione a dei particolari che favoriscono il concepimento. Una donna che vuole restare incinta dovrà entrare, innanzitutto, in uno stato di totale serenità: stress, ansia e paura di non riuscirci sono controproduttivi per il concepimento. Chi decide di avere un figlio, dopo aver smesso di prendere la pillola, deve cercare di dare ascolto al corpo, riprendendo confidenza con i ritmi naturali. La sospensione della pillola, infatti, non causa una ripresa immediata dell’ovulazione, è naturale quindi non rimanere subito incinta nei tre mesi successivi.

Conoscere con precisione la data d’ovulazione è essenziale: infatti durante questi giorni si hanno maggiori possibilità di restare incinte. L’ovulazione avviene verso il 14° giorno dopo l’inizio delle mestruazioni; per conoscere il giorno preciso dell’ovulazione si può misurare la temperatura durante tutto il ciclo. La temperatura corporea, infatti, è più alta nei giorni successivi all’ovulazione. Comunque, esistono anche dei test d’ovulazione in farmacia che si basano sulla concentrazione degli ormoni presenti nell’urina, questi test sono affidabili al 96% e hanno il vantaggio di segnalare il giorno dell’ovulazione con due giorni di anticipo.

Per avere maggiori opportunità di rimanere incinte si suggerisce di avere rapporti sessuali ogni tre giorni. La durata di vita degli spermatozoi, una volta espulsi nelle cavità genitali, è di circa 72 ore. La fertilità non è uguale durante tutto l’anno: l’uomo produce un numero maggiore di spermatozoi all’inizio della primavera ed alla fine dell’autunno; ma sono più attivi alla fine dell’estate ed all’inizio dell’autunno, perciò questi sono i periodi dell’anno più favorevoli per il concepimento.

Anche l’alimentazione svolge un ruolo decisivo, visto che mangiare in modo sano favorisce a sua volta la fertilità. Qualche mese prima di volere restare incinta è meglio smettere ogni tipo di dieta, ma allo stesso tempo è bene evitare di consumare troppi zuccheri in quanto essi aumentano la produzione dell’adrenalina, che interagisce col progesterone, un ormone che ha il ruolo di preparare l’utero ad un’eventuale gravidanza. Bisognerebbe anche evitare caffé, alcool e tabacco in quanto svolgono un’azione negativa sulla fertilità. Inoltre alcuni analgesici, come gli antinfiammatori non steroidi, agiscono sugli ormoni prostaglandinici, che hanno un ruolo nella contrazione dell’utero, quindi è meglio non prenderli durante il periodo dell’ovulazione, meglio consultare un medico.

[adsenseyu2]