Animali domestici e bambini: alcuni accorgimenti

Caterina Stabile

Animali domestici e bambini: alcuni accorgimenti

La convivenza domestica tra cani e bambini piccoli richiede degli accorgimenti che permettono di garantire una piena sicurezza sia al piccolo di casa che all’amico a quattro zampe.

Per scongiurare comportamenti aggressivi ed inimicizie è importante impostare un rapporto corretto, insegnando ai bambini come prendersi cura del loro amico a quattro zampe partendo dalla lettura dei suoi segnali di comunicazione.

Per gestire al meglio la convivenza tra cani e bambini nel nome dell’empatia e della pacifica condivisione di spazi ed attenzioni bisogna partire dalla corretta interpretazione di segnali di avvertimento che l’animale invia, come quando abbassa le orecchie e la coda basse o lancia morsi a vuoto, si tratta di atteggiamenti che segnalano una situazione di nervosismo che di solito precede l’attacco del cane, in questo contesto è bene rendere consapevoli i bambini del rischio di poter essere morsicati, per questo devono evitare di avvicinarsi e stuzzicare il cane. Inoltre è importante insegnare sin da piccolissimi a non tirare la coda, le orecchie ed i baffi dell’animale in quanto potrebbe darsi male, facendogli acquisire la consapevolezza che non si tratta di un giocattolo ma di un essere umano che può farsi male ed innervosirsi. Oltre ad avere bisogno dei propri spazi e giochi il cane non deve essere molestato nella sua intimità: quando mangia e quando dorme; bisogna insegnare ai bambini a non urlare in presenza del cane ed a non prenderlo di sorpresa, due comportamenti che potrebbero spaventare il cane portandolo a reagire male.

Animali domestici e bambini

Quando ci si avvicina ad un cane sconosciuto è bene adottare una maggiore accortezza evitando di infilargli la mano in bocca e di accarezzarlo solo in presenza del suo padrone, evitando di tirargli il pelo. I primi rapporti dovrebbero essere mediati da un adulto, secondo gli esperti si deve evitare di lasciare i bambini soli con il cane almeno fino ai 10 anni di età. Anche se si ritengono più aggressive alcune razze canine, il miglior criterio per valutare la pericolosità di un animale in relazione ai bambini è offerto dalla stazza del cane da cui dipende la sua forza, senza sottovalutare che i cani piccoli possono diventare pericolosi se stuzzicati dal bambino. Il più prezioso insegnamento da dare ai piccoli è quello di prendersi cura del cane senza stressarlo e di allontanarsi nel caso in cui nota un comportamento strano avvertendo subito un adulto.