Allergia al Nichel: nuovo vaccino

Allergia al Nichel: nuovo vaccino

Nei bambini e nelle persone adulte si sviluppa spesso l’allergia al nichel di cui soffre il 30% della popolazione. Un disturbo che si può manifestare in mille modi e con intensità diverse, spesso il problema più popolare è l’allergia al nichel da contatto che sfocia in dermatiti.

A quanto pare l’aumento dell’allergia è dovuto all’utilizzo di tablet e smartphone che contengono delle quantità di nichel piuttosto intense. Nei casi più rari l’allergia può comportare orticaria, eczema disseminato e problemi a livello gastrointestinali.
Molti bambini hanno un problema a livello sistemico e quindi stanno male solo mangiando alcuni prodotti. Siete consapevoli che il nichel è presente in moltissimi alimenti?
– Cacao
– Grissini
– Patatine
– Frutta secca
– Margarina
– Ananas
– Lattuga
– Carote
– Pomodori.

Come comportarsi in questi casi?

Attualmente l’unica alternativa per combattere l’allergia è quella di evitare il contatto con prodotti e alimenti, arrivando a modificare le abitudini alimentari. La quantità di prodotti che contengono questa sostanza sono tantissimi e non è facile trovare la soluzione migliore per mangiare sano senza star male.
La cura è in fase di sperimentazione, un vaccino in capsule che promette di interrompere questa fastidiosa allergia, non è facile conoscere tempi e previsioni per la vendita in commercio ma di certo le caratteristiche sono interessanti.
Presso l’Università Cattolica del Policlinico Gemelli di Roma, stanno sperimentando il vaccino, all’interno di ogni capsula è presente una dosa elevata di nichel che dovrebbe permetterà il corpo ad abituarsi a questo sostanza in maniera graduale. Solo in questo modo l’elemento sarà “accettato dal corpo”, non bisogna aver paura di questo tipo di intervento visto che potrebbe migliorare la vita di tantissimi bambini.
Come in tutte le cose mediche esiste anche un lato negativo, infatti la fase sperimentale sta dimostrando che il prodotto non riesce ad eliminare totalmente i problemi gastro intestinali e a livello cutaneo. Nessuna soluzione per le dermatiti da contatto, trovare una soluzione è molto importante, infatti il nichel è in grado di favorire l’assorbimento del ferro.
Per il momento non ci resta che attendere i risultati dello studio in corso per scoprire se si riusciranno ad ottenere dei risultati interessanti per sconfiggere questo problema che affligge moltissimi bambini italiani.