You – Una dichiarazione d’amore da Nectra Color

Mariella D'Ippolito

You-Una-dichiarazione-d-amore-da-Nectra-Color

Mi accorsi che non potevo fare a meno di te, quando nel dirti addio, tu, puntuale, comparivi ogni sera nei miei sogni. L' appuntamento notturno, oramai, avveniva sempre allo stesso orario: ore 23,30, e terminava ai primi albori del mattino non facendomi più dormire. Eppure, dovevo dimenticare quegli occhi, quel sorriso, il desiderio che avevi di farmi comprendere e apprezzare le cose semplici della vita… Tu stesso eri una persona semplice, umile ma… si sa, nelle famiglie borghesi, si cresce con un determinato rigore, ed io dovetti seguire, prima i consigli, poi l' imperativo dei miei genitori. Sembrava la storia di Cenerentola, resa moderna e naturalmente con i ruoli invertiti, io la principessa, tu il povero contadino. Per te nulla era necessario e indispensabile, ma tutto potevo diventarlo, se si considerava l'importanza che gli si voleva dare, era un pò come citare una frase di chi fu, un noto cantautore: "… dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori…"  e tu eri capace di fare ciò. Sorridevo se in fondo ero triste e tutto era meraviglioso. Non so che giorno è oggi, non so neanche che ora è, so solamente che più leggo la dichiarazione d' amore che Nectra Color dedica a tutte le donne, più ho voglia di dedicarla a te. Non importa se non so che giorno è oggi, non importa se non è il tuo compleanno, se non è Natale o San Valentino, "Ti Amo" e voglio farlo tutti i giorni della mia vita, tutti i giorni voglio sorridere per i tuoi buffi scherzi, allora perchè aspettare? Mi alzo nel buio della stanza, apro la finestra e mi accorgo che è già mattina, quindi vado correndo,  non posso aspettare, non posso più tardare… Apro la porta della camera da letto, ti guardo mentre dormi,…poi ti sveglio con un bacio… tu, un pò stupito fai un sorriso, ed io…"non è niente. Sai fuori piove, ma nel mio cuore c' è il sole… Buon giorno! Ti amo!"… esco dalla stanza  rinvigorita… era la prima volta e sicuramente ce ne sarebbero state altre…

 



Articolo sponsorizzato