Ricette dolci carnevale: Frittelle di riso

Mariella D'Ippolito
Ricette dolci carnevale: Frittelle di riso, Dolci carnevale, Dolci San Giuseppe, Dolci festa del papà, Ricette di carnavale

Ricette dolci carnevale: Frittelle di riso

Le frittelle di riso, sono un’ ulteriore golosità del periodo di carnevale, ma vengono realizzate anche per il giorno di San Giuseppe, ossia per la festa del papà. Ogni regione ha un modo diverso di prepararle: chi usa solo il latte per cuocere il riso, chi adopera la farina, chi…noi vi presentiamo questa!

Ingredienti per circa 40 frittelle:
  • 200 gr di riso
  • 600 gr di latte e 300 gr di acqua
  • 2 uova
  • 80 gr di zucchero
  • 80 gr di burro
  • buccia grattugiata di 1 limone  1 arancia
  • uva sultanina
  • 2 cucchiai di marsala
  • 1 pizzico di sale
  • olio di semi per friggere
Preparazione:

Riscaldate latte e acqua, in un casseruola abbastanza capiente, e aggiungete 40 gr di burro e un pizzico di sale. Procedete, quindi, con lo zucchero, che dovrà essere aggiunto ai liquidi solo per metà e una volta sciolto ben bene, si dovrà procedere, versando il riso e la scorza degli agrumi(grattugiata o intera). Quindi, a fuoco lento, cuocerete il tutto fino a quando il riso non avrà assorbito tutto il latte. A questo punto, quando il latte si sarà asciugato, aggiungete il rimanente zucchero e burro e mescolate fino a rendere l’ impasto ben omogeneo. Togliete dal fuoco, e lasciate raffreddare bene, possibilmente anche tutta una notte; quindi aggiungete i tuorli e gli albumi, che dovranno essere montati a neve. Aggiungete il marsala e l’ uvetta e, mescolare ben bene. L’ impasto dovrà risultare consistente e non molliccio, in quest’ ultimo caso aggiungete della fecola. Riscaldate l’ olio per friggere e con l’ ausilio di due cucchiai, preparate ciò che andrà a friggere nell’ olio bollente. Passate l’ impasto da un cucchiaio a l’ altro tanto da realizzare delle forme più o meno circolari. Il preparato friggerà fino a quando non avrà raggiunto una doratura evidente, quindi verrà adagiato su della carta assorbente. Servitele calde o fredde, dopo averle cosparse di zucchero semolato o a velo