Festa della mamma 2014 regali: idee fai da te originali

Mariella D'Ippolito

Festa della mamma 2014 regali idee fai da te originali, Poesie festa della mamma 2014, Auguri Festa della mamma 2014

“La mia unica consolazione, quando salivo a coricarmi, era  che la mamma sarebbe venuta a darmi un bacio una volta che fossi a letto…” Marcel Proust. E ancora adesso, sposate, con figli, lontane per lavoro o vicine ma in altre case, quante di voi desiderano un gesto del genere?

Perchè anche se oramai mamme, spesso ci sentiamo tanto figlie da non pensare che a lei, che ci ama incondizionatamente. La presenza della mamma è qualcosa della quale non faremmo mai a meno. L’ 11 maggio ricorre la Festa della mamma, e questa volta mi rivolgo a noi adulti, noi mamme, che solo ora conosciamo a pieno i sacrifici che la nostra ha dovuto affrontare…non sprechiamo il Il regalo più bello…il vostro cuorenostro tempo nella ricerca del regalo più bello e più costoso, lo abbiamo fatto già in passato!, ma, se lavorate o avete poco tempo dedicate quella giornata alla vostra mamma, fatele trascorrere una giornata, che magari desiderava da tempo, portatela al cinema per esempio, oppure organizzate una cena, dove potete raccontarvi. Donatele il cuore. Una mamma, una mamma con M maiuscola non vuole doni, desidera solo e sempre il bene dei figli e con essi, tante volte condividerli. Darle amore, se ci pensate, è sicuramente qualcosa della quale anche noi abbiamo bisogno. Scrivete un biglietto ed, esprimete tutto ciò che con le parole a volte non si riesce a dire. E se tutto ciò può sembrarvi difficile, perchè tante le cose da dire o perchè non trovate le giuste parole…vi propongo una poesia di Victor Hugo, dalla quale trarre ispirazione o semplicemente dedicarla.

La madre
La madre è un angelo che ci guarda
che ci insegna ad amare!
Ella riscalda le nostre dita, il nostro capo
fra le sue ginocchia, la nostra anima
nel suo cuore: ci dà il suo latte quando
siamo piccini, il suo pane quando
siamo grandi e la sua vita sempre.

Bella vero!? E ancora…chi se la ricorda questa, per me è favolosa, quando mia figlia, di soli 4 anni me la dedicò…beh! lasciamo stare. Zecchino d’ oro 12° edizione, anno 1970.

Ninna nanna del chicco di caffè

Ninna nanna mamma tienimi con te
nel tuo letto grande solo per un po’
una ninna nanna io ti canterò
e se ti addormenti, mi addormenterò

Ritornello
Ninna nanna mamma
insalata non ce n’è;
sette le scodelle sulla tavola del re.
Ninna nanna mamma
ce n’è una anche per te
dentro cosa c’è
solo un chicco di caffè

Strofa 2
Dormono le case
dorme la città
solo un orologio suona e fa tic tac;
anche la formica si riposa ormai,
ma tu sei la mamma e non dormi mai

Ritornello
Ninna nanna mamma…

Strofa 3
Quando sarò grande comprerò per te
tante cose belle come fai per me,
chiudi gli occhi e sogna quello che non hai
i tuoi sogni poi mi racconterai.

Ritornello
Ninna nanna mamma
insalata non ce n’è
sette i piatti d’oro sulla tavola del re.
Ninna nanna mamma
ce n’è uno anche per te:
ci mettiamo su tutto quello che vuoi tu,
ci mettiamo su tutto quello che vuoi tu.