Come prolungare l’abbronzatura: consigli utili

Caterina Stabile

Come prolungare l'abbronzatura: consigli utili

Dopo aver faticato nel corso dell’estate per conquistare un’abbronzatura invidiabile, di ritorno dalle vacanze la preoccupazione principale consiste per molti nel riuscire a prolungare la pelle ambrata.

Pelle abbronzata anche dopo le vacanze

Anche di ritorno dalle vacanze al mare sarebbe opportuno esporsi al sole per mantenere l’abbronzatura  ma senza esagerare  semplicemente sfruttando tutte le possibilità di uscire di casa anche solo per compiere le quotidiane commissioni, ricordando di applicare la crema solare per continuare a proteggere la pelle rendendola allo stesso tempo più morbida ed idratata, avendo maggiore cura in particolare per il viso, le spalle, le mani, il collo. L’uso dei solari garantisce un ottimo schermo per filtrare ogni raggio di sole evitando inoltre che la pelle si secchi eccessivamente.

Per prolungare la tintarella sarebbe buona abitudine non dimenticare di adoperare il doposole dopo l’esposizione per stimolare la produzione di melanina e mantenere la pelle morbida.

Prolungare l'abbronzatura

Bagnoschiuma idratanti a formulazione naturale e delicate

Per un colore della pelle ambrato da sfoggiare sin da subito e per lungo tempo possono essere utili gli abbronzanti avendo cura di scegliere il prodotto giusto in base al proprio fototipo in modo da intensificare l’effetto della tintarella. Dal momento che con i lavaggi l’abbronzatura si scolorisce bisogna adoperare un bagnoschiuma oppure un docciashampoo dalla formulazione naturale e delicata a cui si aggiunge un’azione idratante, è bene leggere l’etichetta in modo da acquisire un prodotto beauty privo di parabeni, ftalati, glicolpropilene e laurilsolfato di sodio. Per idratare dall’esterno la pelle si possono applicare prodotti delicati a base di burro di karite, olio di mandorle, olio di cocco. Anche il cibo si conferma non solo un valido alleato per la pelle ma anche per mantenere più a lungo la tintarella, anche in questo caso sono da privilegiare gli alimenti che contengono delle sostanze che stimolano la produzione della melatonina per cui via libera a zucche, albicocche, carote, pomodori, si raccomandano anche porzioni di pesce, spinaci, verza, cetrioli, lattuga per offrire alla pelle livelli di minerali e vitamine sufficienti mentre bisogna ridurre l’apporto di grassi e carboidrati; bisogna inoltre provvedere a mantenere ben idratata la pelle bevendo almeno due litri di acqua al giorno.